F1, Gran Premio d’Italia a Monza. La Ferrari mette in riga le Mercedes. 9 anni dopo Alonso, vince Leclerc, alla sua seconda vittoria consecutiva

F1, Gran Premio d’Italia a Monza. La Ferrari mette in riga le Mercedes. 9 anni dopo Alonso, vince Leclerc, alla sua seconda vittoria consecutiva

Charles Leclerc ha vinto il Gran Premio d’Italia, 14° appuntamento del Mondiale di Formula 1, sul circuito di Monza, e supera in classifica il compagno di squadra Vettel, oggi deludente e deluso. Il giovane monegasco della Ferrari, scattato dalla pole, ha preceduto la Mercedes di Valtteri Bottas. Per Leclerc è il secondo successo stagionale. La Ferrari non vinceva a Monza da nove anni. Il monegasco aveva ottenuto la sua prima vittoria in Formula appena sette giorni fa, a Spa. Sul podio anche Lewis Hamilton, quarto posto per la Renault di Daniel Ricciardo davanti al compagno di squadra Nico Hulkenberg. In top ten anche Alexander Albon (Red Bull), Sergio Perez (Racing Point), Max Verstappen (Red Bull), Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) e Lando Norris (McLaren). Domenica da dimenticare per Sebastian Vettel sull’altra Rossa. Il tedesco ha chiuso tredicesimo, fuori dalla zona punti. L’ultimo successo della Ferrari al Gran Premio d’Italia portava la firma di Fernando Alonso nel 2010.

Le parole di Leclerc…

“Non sono mai stato cosi stanco… E’ stata una gara difficilissima, ci tenevo tanto a fare bene qui, per il team e i tifosi. Vincere qui è un sogno, lo era già la settimana scorsa con la prima vittoria, ma in termini di emozioni vincere qua è dieci volte di più”. E’ il commento di Charles Leclerc dopo la vittoria nel Gran Premio d’Italia di Formula 1. “Grazie a tutti, non ho parole”, ha spiegato il pilota monegasco della Ferrari, che ha preceduto le Mercedes di Bottas e Hamilton. “Ho commesso un paio di errori, per fortuna non hanno compromesso la mia gara e ho concluso primo, ma devo stare attento. Sono felice”, ha aggiunto.

… di Bottas…

“Ci ho provato, era il meglio che potessimo fare oggi. Era impossibile superarlo”. E’ il commento di Valtteri Bottas dopo il secondo posto ottenuto nel Gran Premio d’Italia, alle spalle del vincitore Charles Leclerc. “La nostra strategia è stata buona, il primo stint mi ha dato delle possibilità alla fine”, ha spiegato il finlandese della Mercedes. “Ho cercato di prenderlo ma non c’è stato modo di superarlo. Alla fine ho avuto un bloccaggio all’anteriore perché avevo troppo carico. Ho dato tutto quello che avevo, ho usato tutte le mappature, ma non è bastato”, ha aggiunto.

…di Hamilton… 

”Congratulazioni a Leclerc e alla Ferrari, ha avuto tantissima pressione da me e Bottas ma era troppo veloce nel rettilineo anche con il nostro Drs aperto e non potevamo superarlo”. Lewis Hamilton si inchina a Charles Leclerc dopo il Gran Premio di Monza vinto dal pilota Ferrari. ”Stare dietro alla Ferrari per così tanti giri mi ha distrutto le gomme – evidenzia Hamilton, terzo al traguardo -. Ma per noi un secondo e un terzo posto restano un buon risultato, un bel bottino di punti per staccare la Ferrari nel campionato costruttori. Per il sesto titolo iridato? Cerco di fare del mio meglio gara dopo gara. Il mio vantaggio è corposo ma dovrò concentrarmi sulle prossime gare”.

… e del deludente e deluso Vettel

“Non sono contento di me stesso. Ho perso il posteriore entrando in curva, poi l’ho riperso di nuovo. A quel punto la gara era compromessa. Il contatto con Stroll? Ho faticato a ripartire, ho innescato anche l’antistallo, era era impossibile vedere chi arrivava da sinistra e sono rimasto anche bloccato sul cordolo”. Parole di Sebastian Vettel che così commenta la prestazione nel Gran Premio d’Italia, vinto dal compagno di squadra Leclerc e chiuso dal tedesco al tredicesimo posto dopo molte difficoltà. “Se ha influito la giornata di ieri? No, ero di buonumore, non credo abbia avuto impatto”, ha assicurato Vettel ai microfoni di Sky Sport.

L’ordine di arrivo del Gran Premio d’Italia di F1, a Monza (5,793 km)

1. Charles Leclerc (MON/Ferrari) i 306,720 km in 1h15:26.665; 2. Valtteri Bottas (FIN/Mercedes) + 0.835; 3. Lewis Hamilton (GBR/Mercedes) + 35.199 4. Daniel Ricciardo (AUS/Renault) + 45.515; 5. Nico Hülkenberg (GER/Renault) + 58.165; 6. Alexander Albon (THA/Red Bull-Honda) + 59.315; 7. Sergio Pérez (MEX/Racing Point-Mercedes) + 1:13.802; 8. Max Verstappen (NED/Red Bull-Honda) + 1:14.492; 9. Antonio Giovinazzi (ITA/Alfa Romeo Racing-Ferrari) + 1 giro; 10. Lando Norris (GBR/McLaren-Renault) + 1 giro; 11. Pierre Gasly (FRA/Toro Rosso-Honda) + 1 giro; 12. Lance Stroll (CAN/Racing Point-Mercedes) + 1 giro; 13. Sebastian Vettel (GER/Ferrari) + 1 giro; 14. George Russell (GBR/Williams-Mercedes) + 1 giro; 15. Kimi Räikkönen (FIN/Alfa Romeo Racing-Ferrari) + 1 giro; 16. Romain Grosjean (FRA/Haas-Ferrari) + 1 giro; 17. Robert Kubica (POL/Williams-Mercedes) + 2 giro. Miglior giro: Lewis Hamilton (GBR/Mercedes) 1:21.779 al 51esimo giro (media: 255,014 km/h).Ritiri: Carlos Sainz Jr (ESP/McLaren-Renault), Daniil Kvyat (RUS/Toro Rosso-Honda) e Kevin Magnussen (DEN/Haas-Ferrari).

 La classifica del Mondiale piloti di F1 dopo il Gran Premio d’Italia di F1, a Monza

1. Lewis Hamilton (GBR) 284 punti; 2. Valtteri Bottas (FIN) 221; 3. Max Verstappen (NED) 185; 4. Charles Leclerc (MON) 182; 5. Sebastian Vettel (GER) 169; 6. Pierre Gasly (FRA) 65; 7. Carlos Sainz Jr (ESP) 58; 8. Daniel Ricciardo (AUS) 34; 9. Alexander Albon (THA) 34; 10. Daniil Kvyat (RUS) 33.

La classifica del Mondiale costruttori dopo il Gran Premio d’Italia, a Monza

1. Mercedes 505 punti; 2. Ferrari 351; 3. Red Bull-Honda 266; 4. McLaren-Renault 83; 5. Renault 65; 6. Toro Rosso-Honda 51; 7. Racing Point-Mercedes 46; 8. Alfa Romeo Racing-Ferrari 34; 9. Haas-Ferrari 26; 10. Williams 1.

Share