Cgil, Cisl e Uil al nuovo governo: subito confronto vero e discontinuità di merito e di metodo. Iniziative nei luoghi di lavoro, nei territori e a livello nazionale

Cgil, Cisl e Uil al nuovo governo: subito confronto vero e discontinuità di merito e di metodo. Iniziative nei luoghi di lavoro, nei territori e a livello nazionale

Cgil, Cisl e Uil chiedono al governo di avviare “nei prossimi giorni” un confronto sulle politiche economiche e sociali, un dialogo che dovrà segnare una “piena discontinuità”. Al termine delle segreterie unitarie, i sindacati “sollecitano fin da ora una convocazione, nei prossimi giorni, da parte del nuovo esecutivo e l’apertura di un confronto vero sui problemi e sulle scelte economiche e sociali in vista della prossima legge di stabilità, avendo come riferimento imprescindibile la piattaforma sindacale unitaria di Cgil, Cisl e Uil, sostenuta dalla ampia mobilitazione degli scorsi mesi”. Il nuovo governo “sarà valutato da Cgil, Cisl, Uil sulla base della capacità di dare risposte efficaci e concrete alle rivendicazioni contenute nella piattaforma, che resta il forte elemento unitario di coerenza dell’azione sindacale. Il confronto con il nuovo esecutivo dovrà segnare una piena discontinuità non solo per quanto riguarda le scelte di merito, ma anche sul metodo”.

Per questo, affermano Cgil Cisl e Uil, “andrà sviluppato un dialogo costante e preventivo con le parti sociali sulla politica economica, a partire da un’equa riforma fiscale fondata sulla lotta all’evasione e sulla riduzione delle tasse per i lavoratori dipendenti e pensionati; da una politica industriale rispettosa dell’ambiente; dall’urgente soluzione delle tante vertenze aperte al ministero dello sviluppo economico; dalla sicurezza sul lavoro; dalle politiche attive del lavoro e degli ammortizzatori sociali; dalla revisione dello Sblocca-cantieri e dall’avvio dei lavori per le infrastrutture; dalle questioni della sicurezza e dell’immigrazione; da nuove politiche di sviluppo per il Mezzogiorno”.

“Vanno inoltre affrontati – spiegano i sindacati – i temi delle pensioni, dei rinnovi contrattuali dei lavoratori pubblici e privati, con la valorizzazione della contrattazione collettiva, capitoli che, al momento, sembrano non inseriti nella bozza di programma del nuovo governo. Così come rimane urgente procedere a nuove assunzioni in tutta la pubblica amministrazione, a cominciare dall’istruzione e dalla sanità”.

Cgil, Cisl, Uil “sosterranno tali rivendicazioni con una serie di iniziative nei luoghi di lavoro, nei territori e a livello nazionale per sollecitare un definitivo superamento delle politiche di rigore, per l’affermazione anche a livello europeo di un politica di crescita e sviluppo e per la riduzione delle diseguaglianze”.

Share