76esima Mostra del Cinema Venezia. Apertura il 28 agosto con “La verità” di Kore’eda. Tre film italiani in concorso. Torna al Lido la madrina con la Mastronardi

76esima Mostra del Cinema Venezia. Apertura il 28 agosto con “La verità” di Kore’eda. Tre film italiani in concorso. Torna al Lido la madrina con la Mastronardi

Tutto pronto. In partenza da mercoledì 28 agosto la 76esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia che animerà il Lido fino al 7 settembre 2019. Preapertura prevista con “Estasi” lavoro restaurato del 1934 che all’epoca venne catalogato scandaloso per la visione del primo nudo integrale nella storia del cinema. Ad aprire la Mostra, durante la serata ufficiale sarà proiettato il film “La verità” del maestro giapponese Hirokazu Kore’eda. Dopo la Palma d’Oro a Cannes e la candidatura all’Oscar come Miglior Film straniero per “Un affare di famiglia”, Kore’eda ha avviato questo nuovo progetto scegliendo per la prima volta di girare un film interamente in Europa, in compagnia di attori del calibro di Catherine Deneuve, Juliette Binoche, Ethan Hawke.

Tra i film in concorso, tanti i titoli targati USA, tra cui “Marriage Story” di Noah Baumbach, interpretato da Adam Driver e Scarlett Johansson; “The Laundromat” di Steven Soderbergh, con Meryl Streep nelle vesti di una vedova che indaga su una frode assicurativa, e interpretato anche da Gary Oldman, Antonio Banderas e Jeffrey Wright; “Jocker” di Todd Philips, con  Joaquin Phoenix, che ripercorre l’ascesa dell’omonimo personaggio dei fumetti della DC Comics, da semplice uomo ad antagonista cattivo dalle sembianze da pagliaccio cattivo, oggi divenuto per tutti un’icona; “Ad Astra” di James Gray, con Brad Pitt nel ruolo di Roy McBride, un ingegnere spaziale che nell’attraversare il Sistema Solare scopre qualcosa che minaccia la sopravvivenza dell’umanità.

Consistente anche la presenza italiana tra i film in concorso: “Il sindaco del Rione Sanità” di Mario Martone, commedia in tre atti scritta ed interpretata da Eduardo De Filippo, inserita dall’autore nella raccolta Cantata dei giorni dispari; “Martin Eden” di Pietro Marcello, con Luca Marinelli, liberamente tratto dall’omonimo romanzo del 1909 scritto da Jack London; “La mafia non è più quella di una volta” film documentario di Franco Maresco.

Dopo il passeggero esperimento al maschile dei “padrini” Alessandro Borghi nel 2017 e Michele Riondino nel 2018, quest’anno torna la consueta madrina, rappresentata dall’attrice Alessandra Mastronardi, a tre anni di distanza dalla collega Sonia Bergamasco nel 2016. Tra gli ospiti più attesi sul red carpet, Tommy Lee Jones, Roger Waters, Mick Jagger. E ancora, Jude Law e John Malkovich, protagonisti della serie targata Sky “The New Pope”, insieme a Charlize Theron; Monica Bellucci che presenterà la versione integrale dello scandaloso film “Irreversible” di Gaspar Noé; l’influencer Chiara Ferragni con il suo docufilm “Chiara Ferragni – Unposted” di Elisa Amoruso. Prevista la consegna del Leone d’oro alla carriera per Pedro Almodóvar.

Share