I versetti satirici di Pasquino il Templare. Sui fatti russi c’è ‘n’ariaccia fosca e Sarvini zitto e mosca

I versetti satirici di Pasquino il Templare. Sui fatti russi c’è ‘n’ariaccia fosca e Sarvini zitto e mosca
Passa un giorno, passa l’altro più non torna il prode Anselmo.
A parlare in Parlamento manda Conte
senza l’elmo
a beccasse in vece sua tante urla e gli  improperi
sopra i fatti, finti o veri..,
der petrolio moscovita
che co’ ‘n giro de partita
smazzettava rubli assai alle casse della  Lega.
Questo che er maligno afferma mentre lui forte  lo nega
Certo è esatto certo è vero
che hanno preso men di zero
ma a spiegarlo li ar Senato
er Matteo s’è rifiutato
mica credo per paura
ché la Lega è forte e pura
ma perché lui che ha core
a ‘ste cose è superiore
e de Camera e Senato sta’ sicuro se ne frega.
Il gran capo della Lega
Contro quattro sventurati
che morivano affogati
urla alla televisione
mentre pjia un gran fugone
si c’è ‘n’interrogazione
che senza  tante riverenze je chiedeva
com’è che ieri non lo conosceva
quer tipetto che pare giocasse
le tangenti ad intascasse
Mentre visto un ber filmato
se lo è poi presto aricordato
Che co’ lui a Mosca c’era stato
Ma s’invece de fa’ ‘sta scena muta
Ce Diceva ch’era tutto a sua insaputa
Quarcuno forse poco  je credeva
ma miglior figura certamente lui faceva
Share