Federconsumatori. Banche: nel Dl Crescita finalmente inserite le norme sui rimborsi. Attesa per lunedì la pubblicazione in GU

Federconsumatori. Banche: nel Dl Crescita finalmente inserite le norme sui rimborsi.  Attesa per lunedì la pubblicazione in GU

Con il Dl Crescita sembrerebbe scritta l’ultima parola sulla vicenda dei rimborsi per i risparmiatori: è attesa per lunedì la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

È confermato il doppio binario per l’ottenimento dei rimborsi: saranno «automatici», previo esame dei requisiti, per le persone fisiche con redditi 2018 fino a 35mila euro o patrimoni mobiliari per cui il tetto sembrerebbe esser stato innalzato fino a 200mila euro. Tutti gli altri dovranno accedere all’arbitrato, secondo una procedura facilitata.

La soluzione del doppio binario incontra il nostro accordo, in quanto si trova in linea con le proposte avanzate fin dal primo momento dalla Federconsumatori. In realtà avevamo anche chiesto di prevedere un canale preferenziale e un maggiore rimborso per i risparmiatori in maggiore difficoltà, privilegiando i soggetti in condizione di disagio economico e coloro che sono stati costretti a sottoscrivere azioni baciate, ma il Governo non ha seguito questa strada. Ci riserviamo pertanto di continuare le nostre iniziative su questo versante.

L’annunciato innalzamento del tetto a 200 mila euro potrebbe porre inoltre problemi di copertura del fondo e di equità nella distribuzione delle risorse, in quanto saranno penalizzati i soggetti più deboli.

Adesso si tratta di procedere immediatamente al voto del decreto in cui si dovranno definire la tipizzazione delle situazioni, la modalità e la documentazione per accedere realmente al rimborso. I risparmiatori hanno già atteso molto e non sono giustificabili ulteriori ritardi.

Una volta sancite le regole, i risparmiatori avranno 180 giorni per avanzare domanda.

La Federconsumatori, come sempre, è già a disposizione dei risparmiatori per ogni informazione e risoluzione di qualsiasi dubbio che dovesse insorgere all’indomani dell’avvio delle procedure che daranno avvio ai rimborsi. Ovviamente vigileremo affinché non si verifichino ulteriori ritardi o intralci che ostacolino il dovuto rimborso ai risparmiatori truffati.

Share