Week end tragico sulle strade. Due incidenti automobilistici mortali a Porto Recanati e a Rosignano Marittimo. La strage dei motociclisti

Week end tragico sulle strade. Due incidenti automobilistici mortali a Porto Recanati e a Rosignano Marittimo. La strage dei motociclisti

Fine settimana di incidenti sulle strade italiane. Il più grave a Porto Recanati, in provincia di Macerata: Gianluca Carotti, 47 anni e la compagna Elisa Del Vicario, 40 anni di Castelfidardo (Ancona) sono morti nell’impatto. I loro due figli di 8 e 10 anni sono stati estratti vivi dalle lamiere grazie all’intervento dei vigili del fuoco e ricoverati in gravi condizioni negli ospedali di Torrette e Salesi ad Ancona. Alla guida dell’Audi A 6 che li ha tamponati, Farah Marouane, marocchino di 34 anni, che adesso è indagato per omicidio stradale. La sua auto ha invaso la corsia opposta della Strada Regina, si è scontrata frontalmente con una Peugeot sulla quale viaggiava la famiglia. Marouane era già noto alle forze dell’ordine: nell’aprile dello scorso anno era finito in carcere in un blitz antidroga a Montegranaro durante la quale i carabinieri di Macerata avevano sequestrato 220 chili di hashish e avevano arrestato quattro persone. Attualmente il 34enne marocchino ha l’obbligo di firma. A indagare sull’incidente, invece, è il pm di Macerata Enrico Riccioni, che ha disposto i test alcolemici e tossicologici su Marouane. Per il momento il 34enne resta piantonato all’ospedale di Civitanova Marche in attesa della convalida del fermo. Dai primi rilievi pare chiaro che l’Audi, forse rubata, di cui era alla guida viaggiasse a velocità sostenuta quando ha invaso la corsia opposta e ha travolto la macchina delle vittime. A bordo con il marocchino c’erano anche altri due connazionali, rimasti entrambi lievemente feriti.

Un altro grave incidente, ieri pomeriggio, è costato la vita all’ufficiale della Capitaneria di Porto di Viareggio, Pierfrancesco Dalle Luche. Dalle Luche aveva prestato servizio anche a Genova e a Porto Santo Stefano. Intorno alle 16.45 il militare 35enne ha perso il controllo della sua auto, una Jeep Compass di colore nero, e si è schiantato contro le barriere che delimitano le corsie di accesso al casello autostradale di Rosignano Marittimo. La chiamata al 118 è scattata intorno alle 16.50 ma quando i soccorritori della Pubblica Assistenza di Cecina sono arrivati sul posto insieme al medico inviato dal 118 non c’era ormai più niente da fare. A poco, purtroppo, sono serviti i vari tentativi di rianimazione da parte dei soccorritori. L’urto è stato violentissimo. A bordo dell’auto insieme all’uomo alla guida si trovava anche un cane di piccola taglia che è morto nell’impatto. A esprimere il cordoglio per la morte dell’ufficiale, il Capo di Stato Marggiore della Marina Militare Valter Girardelli e il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli che tramite Twitter ha voluto trasmettere il suo “abbraccio alla famiglia e a tutti i suoi cari”.

La strage di motociclisti

Altro incidente mortale nel tardo pomeriggio di domenica vicino a Latina. Fatale per un motociclista lo scontro con una vettura lungo la statale 7 Appia, nei pressi di Pontinia. E’ morto nella notte il motociclista di 30 anni che ieri pomeriggio, nella pista di motocross di Ceriano Laghetto (Monza) ha perso il controllo della moto ed è caduto sul circuito. L’incidente è avvenuto attorno alle 16 mentre il trentenne stava praticando attività sportiva. Fin da subito le sue condizioni sono state giudicate molto critiche, tant’è che è stato trasportato con l’elisoccorso del 118 in gravissime condizioni all’ospedale Niguarda di Milano. Ricoverato in rianimazione è poi deceduto. Un ragazzo di 22 anni è stato ricoverato al policlinico Umberto I di Roma dopo essere rimasto coinvolto in un incidente stradale in via delle Cave, a Roma. Il giovane, ricoverato in prognosi riservata e poi deceduto, avrebbe perso il controllo del mezzo finendo contro un’altra auto. L’incidente è avvenuto intorno alle 14.

Share