Risparmio. Consob richiama banche e società di risparmio al rispetto della Mifid II. Federconsumatori è al lavoro per rendere più trasparenti e corrette le comunicazioni ai risparmiatori

Risparmio. Consob richiama banche e società di risparmio al rispetto della Mifid II. Federconsumatori è al lavoro per rendere più trasparenti e corrette le comunicazioni ai risparmiatori

La Consob ha richiamato oggi l’attenzione di banche e società del risparmio gestito al “rispetto della nuova disciplina Mifid II sulla trasparenza dei costi” nei servizi di investimento.

Un richiamo importante, utile a raggiungere una maggiore trasparenza rendendo i risparmiatori pienamente consapevoli dei costi, degli oneri e dei rischi a cui vanno incontro nel momento in cui effettuano un investimento.

Una priorità estremamente rilevante, a maggior ragione alla luce dei numerosi casi di risparmio tradito che hanno coinvolto cittadini nel nostro Paese: la scarsa chiarezza e l’asimmetria informativa hanno giocato, infatti, un ruolo importante nell’indurre i risparmiatori ad investire le proprie risorse in investimenti ad alto rischio, senza la necessaria e dovuta consapevolezza.

Il lavoro avviato dalle Associazioni dei Consumatori con le banche proprio in tema di Mifid II dovrà portare al superamento di questi ed altri problemi che hanno scosso il sistema bancario negli ultimi anni, portando al superamento degli errori del passato.

Per completare il quadro di interventi indispensabili a rendere più equo il sistema è necessario potenziare il sistema di vigilanza della Consob stessa e della Banca d’Italia, che devono incrementare la propria attività di controllo non solo sulla solidità delle banche, ma anche sull’attività che svolgono all’interno degli sportelli, si veda a tal proposito la questione degli investimenti in diamanti che ha coinvolto numerosi cittadini che, oggi, non riescono a rientrare in possesso del proprio capitale.

Share