Alfonso Gianni. Dittatura della maggioranza e controriforma fiscale

Alfonso Gianni. Dittatura della maggioranza e controriforma fiscale

I pentaleghisti al governo sembra facciano a gara nello sfondare il muro del ridicolo, lanciando a destra e a manca valutazioni, meglio sarebbe dire tweet, del tutto inattendibili sullo stato di salute del nostro paese. Una simile sfacciataggine comunicativa costituisce l’altra faccia della medaglia dell’economia della promessa, dove il presente è bigio ma un’alba rosea sarebbe dietro l’angolo. Vedi l’ultima intervista di Conte alla Repubblica. Così non è, come testimoniano tutti gli istituti di ricerca economica, i centri studi delle principali organizzazioni sindacali, quelli delle associazioni padronali a livello internazionale e interno. Insomma vi è una convergenza da più parti, politiche e sociali, nel descrivere un futuro particolarmente negativo per il nostro paese, in un quadro affatto felice dell’economia mondiale, di nuovo afflitta da una bolla finanziaria di gigantesche proporzioni. Sostituire al grido d’accusa contro la “perfida Albione”, di fascistissima memoria, con quello contro l’arcigna Unione europea non risolve alcuno dei problemi che ha di fronte il nostro paese.

La critica e la denuncia delle politiche ciecamente rigoriste della Ue va fatta e fino in fondo. Così come vanno prese le distanze dalle soluzioni nazionaliste-sovraniste che circolano per il continente e a casa nostra. E’ il tema delle prossime elezioni europee. Solo che ad entrambe si dovrebbe avere la capacità di contrapporre un’altra linea di politica economica. Ma di questa non si vede neppure l’ombra, dal momento che la manovra economica nel suo complesso è espansiva solo a parole. Se si volesse puntare ad una soluzione keynesiana calata al giorno d’oggi, non si dovrebbe solo pensare a aumentare i consumi ma anche gli investimenti pubblici in settori innovativi che garantiscano lavoro e difesa dell’ambiente, ma li cercherete invano nella manovra governativa. I due provvedimenti cardine, un reddito di cittadinanza che tale non è, essendo condizionato all’accettazione di collocazioni lavorative persino a termine,  e quota 100 che non cancella affatto la “riforma” Fornero, sono peraltro bersagliati dalla guerriglia emendativa che i due contraenti il contratto di governo si fanno a livello parlamentare. In ogni caso è già previsto che se mancheranno le risorse, un provvedimento si mangerà l’altro e con le cifre previste dall’uno e la riduzione dell’assegno pensionistico dell’altro c’è ben poco da sperare in tema di rilancio della domanda interna.

Ma tutto ciò non è solo frutto di dilettantismo. Chi si limitasse a questo, non coglierebbe la profondità dei processi in atto e li sottovaluterebbe nella loro potenzialmente micidiale portata. La costruzione di una dittatura di maggioranza, quale quella che ci troviamo di fronte almeno nelle ambizioni, è un processo che  va condotto a passi rapidi.  Siamo di fronte ad un concreto tentativo di destrutturazione della coesione nazionale, sia sul piano della sua costituzione economica che di quella istituzionale, che peraltro tra loro si incrociano. E’ come se si avverasse per intero quel quadro che più di venti anni fa tratteggiava Kenichi Ohmae, anche con espliciti riferimenti al nostro paese, parlando di fine dello Stato-nazione e dell’emergere delle economie e degli “stati” regionali che si collegano tra loro superando i vecchi e obsoleti confini (Kenichi Ohmae La fine dello Stato-nazione. L’emergere delle economie regionali, Baldini&Castoldi, 1996). E’ un disegno ambizioso che bisogna assolutamente bloccare e che possiamo vedere con una certa chiarezza sul terreno fiscale da un lato e su quello delle autonomie regionali dall’altro. Ma se sulle seconde qualche faro si è acceso, anche grazie ad ottimi lavori, quale quello di Gianfranco Viesti liberamente scaricabile (Gianfranco Viesti, Verso la secessione dei ricchi? Autonomie regionali e unità nazionale, ebook, Laterza 2019), sono partiti appelli e mobilitazioni in particolare dal Sud, sulla controriforma fiscale il velo non è stato ancora alzato. Bisognerebbe farlo prima che sia troppo tardi.

La legge di bilancio non è solo un insieme di norme ad hoc, ma fa trasparire un disegno più di fondo, al di là dei ben dieci condoni che sotto varie forme sono stati introdotti tra decreto fiscale e manovra. Il bilancio del primo di essi parla di una cancellazione di mini-cartelle per oltre 12 milioni e mezzo di contribuenti, quindi di 32 miliardi giudicati come non più recuperabili. Mentre sono incassabili i voti dei beneficiari. Ma l’obiettivo assai più ambizioso è quello di portare avanti in modo strisciante ma deciso una integrale controriforma fiscale, che, come sappiamo, è un mantra del neoliberismo. Non si tratta solo della flat tax proposta a puntate. Anche se il primo assaggio è micidiale. Il regime forfettario potenziato dal 2019 scava un largo vallo tra lavoratori autonomi e dipendenti, tra i titolari di partita Iva tassati con l’Irpef e quelli che si avvantaggeranno della flat tax prevista nella legge di bilancio. I risultati di alcune simulazioni di fonte padronale indicano che un professionista con compensi annui di circa 64mila euro pagherà 10.200 euro di imposte in meno di un lavoratore dipendente con  reddito simile e due figli a carico.

Il governo prospetta, dopo i passi negativi già fatti con la manovra, una ipotesi di riforma generale addirittura entro un paio di mesi, comunque prima delle elezioni europee di fine maggio. Come? Ad oggi non è dato di sapere nella sua intierezza, ma le avvisaglie non sono certamente tranquillizzanti. Enrico De Mita fa notare che quando fu fatta la riforma del 1971 fu varata una commissione di studiosi sotto la guida del professor Cesare Cosciani. Oggi di simili studiosi che collaborino con questo governo non se ne vede neppure l’ombra. “Il Parlamento al quale è affidata istituzionalmente la materia si occupa di fisco solo per la tutela di interessi corporativi. Ogni anno viene approvata una legge nella quale le cose fiscali sono indicate per previsioni minute senza un quadro di riferimento” (Enrico De Mita “Serve la riforma fiscale non slogan” Il Sole 24 Ore del 12 febbraio 2019).  Ma pare difficile pensare che l’unico difetto stia nella mancanza di organicità, anche se la materia fiscale la richiede per necessità di essenza.

Se invece di inseguire le dichiarazioni sornione (dico, non dico) di qualche sottosegretario – per esempio sulla sparizione degli 80 euro di renziana memoria e la loro sostituzione con un sistema di deduzioni – guardiamo alla legge di bilancio e connessi ne emerge un quadro pessimo. Con l’accumularsi di altre nuove imposte sostitutive si mina dalle fondamenta l’Irpef. Il nostro sistema fiscale si compone sempre più di tributi su stipendi e pensioni e si basa sempre meno su una imposta generale e progressiva sui redditi delle persone fisiche. E’ un cambiamento di paradigma e di sistema che liquida sottotraccia il principio della progressività contenuto nell’articolo 53 della Costituzione e che rischia di consolidarsi alla luce del sole in una prossima iniziativa legislativa governativa.

 

Share