Roberto Spada condannato anche in Appello. Sei anni per la testata a Piervincenzi e un anno di libertà vigilata

Roberto Spada condannato anche in Appello. Sei anni per la testata a Piervincenzi e un anno di libertà vigilata

Roberto Spada è stato condannato a 6 anni di carcere, più un anno di libertà vigilata per il pestaggio del giornalista Di Nemo, Daniele Piervincenzi, e del suo operatore. I giudici della corte d’appello di Roma hanno confermato la sentenza di primo grado che era stata emessa nel giugno scorso. Anche nella parte in cui la Procura contesta l’aggravante del metodo mafioso.

Spada, che ha assistito all’udienza di appello collegato in videoconferenza dal carcere di Tolmezzo, “aggredì i due giornalisti perché si trovava nel suo territorio” e ha potuto “contare sulla connivenza del territorio, nessuno intervenne e anzi un passante disse alle due vittime ‘così imparate a venire qui a Ostia’” ha detto il pg Vincenzo Saveriano in aula. “La violenza in strada serve anche come monito per la popolazione e per conservare la forza dell’organizzazione” ha sottolineato ancora il pg. La corte ha anche deciso un risarcimento in favore della Federazione nazionale della stampa, Ordine dei giornalisti, Comune di Roma, Regione Lazio e dell’associazione Libera.

Share