Fara Sabina, Rieti. Gravissima esplosione di una cisterna di gas in un distributore a Borgo Quinzio. Due morti e 17 feriti, di cui 2 gravi

Fara Sabina, Rieti. Gravissima esplosione di una cisterna di gas in un distributore a Borgo Quinzio. Due morti e 17 feriti, di cui 2 gravi

Due morti, un vigile del fuoco e un civile, e 17 feriti nell’esplosione del distributore di via Salaria in provincia di Rieti. Tre dei feriti sono stati trasportati in ospedale in codice rosso e versano in gravi condizioni, 14 in codice giallo. Tutti i feriti hanno ustioni e traumi da scoppio (fratture e contusioni). Per quanto riguarda i feriti “tre sono stati portati all’ospedale di Monterotondo, 4 all’ospedale S.Andrea di Roma, 3 al S.Eugenio, 5 a Rieti e 2 al Policlinico Gemelli”. Sul posto l’Ares 118 è intervenuta con due elicotteri, un’automedica e otto ambulanze. “Al momento non risultano altri feriti, i vigili del fuoco stanno comunque perlustrando la zona per valutare se ci sono altre persone coinvolte”, conclude l’azienda sanitaria

Prima un principio di incendio, poi l’esplosione dell’autocisterna durante le operazioni di carico e scarico di carburante nel distributore. Questa la dinamica ricostruita dai carabinieri del nucleo Investigativo di Rieti, che stanno al lavoro sul posto insieme ai vigili del fuoco. Dopo l’esplosione la cisterna è stata sbalzata a decine di metri di distanza, su una strada parallela alla Salaria, finendo contro due auto.  Infatti, come ricostruito dai militari, il principio di incendio è avvenuto durante le operazioni di carico e scarico di carburante: in quel momento passava un furgone con a bordo un vigile del fuoco non operativo che ha allertato la squadra dei vigili del fuoco locale. Prima ancora che i vigili iniziassero l’operazione di spegnimento dell’incendio, c’è stata l’esplosione che ha sbalzato la cisterna dal distributore su una seconda strada parallela alla Salaria. Il mezzo è finito così contro altri due autoveicoli e proprio in questo secondo punto è stato trovato il cadavere della seconda vittima, che sarebbe un civile.

“Stiamo monitorando costantemente la situazione. Abbiamo deviato il traffico proveniente da Roma lungo la via Farense, non è consentito a nessuno di avvicinarsi all’area dell’esplosione. La situazione è seria”, dice il sindaco di Fara Sabina (Rieti), Davide Basilicata, in merito all’esplosione avvenuta nel pomeriggio di oggi nell’area di servizio Ip di Borgo Quinzio (Rieti), lungo la Salaria. “Squadre dei vigili del fuoco – ha aggiunto il primo cittadino di Fara – stanno continuando ad operare. Le forze dell’ordine insieme alla nostra Polizia Locale sta monitorando la situazione della zona. Per informazioni urgenti è possibile contattare il numero 0765-488136”.

“Una tragedia devastante, che registra due morti, uno dei quali un Vigile del fuoco. Alle famiglie e ai cari delle vittime vogliamo esprimere il nostro cordoglio e siamo vicini ai tanti feriti, come al Vigile del Fuoco ricoverato in condizioni gravissime e come ai lavoratori del 118 prontamente intervenuti e investiti dalle fiamme”. Così la Fp Cgil Roma e Lazio e la Fp Cgil Nazionale in merito all’esplosione avvenuta oggi in un distributore di carburante sulla via Salaria, nel reatino. “Non è il momento questo di fare valutazioni sulla natura dell’incidente, aspettiamo e rispettiamo il lavoro che dovrà fare la Magistratura – aggiungono -. Il nostro pensiero e le nostre priorità vanno adesso alle vittime e ai feriti coinvolti e nelle prossime ore, insieme alle altre organizzazioni sindacali, metteremo in campo iniziative di solidarietà e di concreto sostegno. Ma non possiamo non ribadire, ancora una volta, come il nostro paese debba fare del tema della salute e della sicurezza sul lavoro una assoluta priorità. Le morti sul lavoro che registriamo sono un vero e proprio bollettino di guerra ed è ora di dire basta”, concludono Fp Cgil Roma Lazio e Nazionale.

Share