Trema l’Emilia, sisma 3.9 nella notte. Nessun danno. Il terremoto continua a scuotere anche il Molise

Trema l’Emilia, sisma 3.9 nella notte. Nessun danno. Il terremoto continua a scuotere anche il Molise

Da nord a sud, il terremoto non dà tregua al Paese. Una scossa di magnitudo 3.9 è stata infatti registrata alle 2:33 in provincia di Reggio Emilia. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 9 km di profondità ed epicentro 3 km a nord di Bagnolo in Piano. Il terremoto è stato distintamente avvertito dalla popolazione e dalle verifiche svolte da Vigili del Fuoco, Carabinieri e Protezione Civile, non si sono registrati danni a persone o cose. Non cambia lo scenario in Molise, dove ormai la popolazione coesiste con il sisma che dalla notte di Ferragosto ha prodotto più di 190 scosse di bassa e media intensità.

Le ultime nella notte, con magnitudo 3.0 e con epicentro sempre l’area di Montecilfone. Oggi arriverà in Molise il Capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, che presiederà un vertice in Prefettura a Campobasso per concordare, con i Sindaci interessati dal movimento tellurico, le misure necessarie a gestire l’emergenza. Va detto poi che il tratto della statale 647 Bifernina compreso tra i due viadotti che sovrastano la diga del Liscione a Guardialfiera (Campobasso), resterà ancora chiuso al traffico. Lo comunica l’Anas in una nota.

La decisione è stata assunta al termine di un vertice in Prefettura a Campobasso nel quale è stato fatto il punto sulla situazione dell’arteria dopo le numerose scosse di terremoto che hanno interessato l’area del medio e basso Molise negli ultimi giorni. Le ispezioni sui viadotti ‘Molise 1′ e Molise 2’ sulla statale 647 Bifernina “allo stato attuale non hanno rilevato particolari criticità”. Si apprende dall’Anas che da due giorni ha avviato con una particolare attrezzatura ‘by bridge’ le verifiche tecniche, strutturali e visive sui due ponti lunghi, complessivamente, oltre 7 chilometri. Al termine delle ispezioni Anas valuterà la piena riapertura della tratta stradale oppure con eventuali limitazioni per la circolazione. Attualmente il traffico da Campobasso a Termoli (Campobasso) e viceversa è deviato sulla statale 87 ‘Sannitica’. Lungo i circa 15 km di statale interrotta al transito sono presenti nove opere, tra le quali i viadotti ‘Molise 1’ e ‘Molise 2’, per un totale di 296 campate da ponte.

Share