Tour, Alaphilippe doma prime Alpi. Van Avermaet resiste e guadagna

Tour, Alaphilippe doma prime Alpi. Van Avermaet resiste e guadagna

Primo tappone alpino e primo successo per Julian Alaphilippe. Il corridore della Quicks-Step Floors si regala la gioia numero uno in carriera al Tour de France, precedendo tutti al termine della decima tappa, la durissima Annecy-Le Grand Bornand di 158,5 km, tra le più attese. Trionfo in solitaria per il 26enne francese, già in fuga dopo i primi chilometri: una giornata da ricordare che gli porta in dote pure la maglia di miglior scalatore.

“E’ un’emozione incredibile. Avevo sfiorato la vittoria più volte. Non avrei mai pensato e sperato di vincere così. Non ho parole”, il commento di Alaphilippe. “Sono contento per me e di aver fatto questo regalo alla mia famiglia”, ha spiegato il francese. “Vittoria pianificata? Sì, da ieri sera, mi sono detto che sarei andato in fuga ma non immaginavo di riuscire a portarla fino alla fine”. Ma a sorridere è anche Greg Van Avermaet. Il belga smentisce le previsioni di chi prevedeva una sua giornata di sofferenza e, nonostante l’arrivo delle prime montagne, supera la prova con una prestazione di grande carattere, arrivando quarto, insieme al connazionale Serge Pauwels, alle spalle dello spagnolo Jon Izagirre (Bahrain Merida), a 1’34” dal vincitore di giornata e dell’estone Rein Taaramae (Direct Energie), a 1’40”. Il corridore della Bmc, a metà percorso tra i 14 battistrada arrivati ad accumulare fino a 8 minuti di distacco dal gruppo, resta al comando della classifica generale e incrementa addirittura il vantaggio sui big che scelgono di restare nascosti e arrivano al traguardo con un ritardo di circa 2′ da Alaphilippe.

La maglia gialla ha ora 2’22” su Geraint Thomas e 3’10” su Alejandro Valverde. Froome è sesto a 3’21”. Giornata senza particolari squilli anche per Vincenzo Nibali. Lo ‘Squalo’, nono a 3’27”, si difende bene ma rinuncia all’attacco in attesa di cogliere l’attimo giusto. Che potrebbe arrivare anche mercoledì, con l’undicesima tappa, la Albertville-La Rosiere di 108,5 km. L’arrivo, il primo in salita, dopo un’ascesa di 17,6 km al 5,8% di pendenza media.

L’ordine di arrivo della decima tappa del Tour de France, la Annecy – Le Grand-Bornand di 158,5 km.

1. Julian Alaphilippe (FRA/QST) in 4h 25:27 (35,9 km/h); 2. Ion Izagirre (SPA/BAH) a 1:34, 3. Rein Taaramae (EST/DEN) 1:40, 4. Greg Van Avermaet (BEL/BMC) 1:44, 5. Serge Pauwels (BEL/DDT) 1:44, 6. Lilian Calmejane (FRA/DEN) 2:24, 7. Daniel Martin (IRL/EAU) 3:23, 8. Primoz Roglic (SLO/LNL) 3:23, 9. David Gaudu (FRA/FDJ) 3:23, 10. Geraint Thomas (GBR/SKY) 3:23, 11. Romain Bardet (FRA/ALM) 3:23, 12. Steven Kruijswijk (OLA/LNL) 3:23, 13. Adam Yates (GBR/MIT) 3:23, 14. Jakob Fuglsang (DAN/AST) 3:23, 15. Christopher Froome (GBR/SKY) 3:23, 16. Tom Dumoulin (OLA/SUN) 3:23, 17. Alejandro Valverde (SP/MOV) 3:23, 18. Nairo Quintana (COL/MOV) 3:23, 19. Vincenzo Nibali (ITA/BAH) 3:23, 20. Mikel Landa (SPA/MOV) 3:23.

La classifica generale del Tour de France dopo la decima tappa.

1. Greg Van Avermaet (BEL/BMC) 40h 34:28; 2. Geraint Thomas (GBR/SKY) a 2:22, 3. Alejandro Valverde (SPA/MOV) 3:10, 4. Jakob Fuglsang (DAN/AST) 3:12, 5. Bob Jungels (LUX/QST) 3:20, 6. Christopher Froome (GBR/SKY) 3:21, 7. Adam Yates (GBR/MIT) 3:21, 8. Mikel Landa (SPA/MOV) 3:21, 9. Vincenzo Nibali (ITA/BAH) 3:27, 10. Primoz Roglic (SLO/LNL) 3:36, 11. Tom Dumoulin (OLA/SUN) 3:42, 12. Steven Kruijswijk (OLA/LNL) 3:45, 13. Rafal Majka (POL/BOR) 4:02, 14. Romain Bardet (FRA/ALM) 4:11, 15. Bauke Mollema (OLA/TRE) 4:28, 16. Nairo Quintana (COL/MOV) 4:29, 17. Daniel Martin (IRL/EAU) 5:01, 18. Ilnur Zakarin (RUS/KAT) 5:12, 19. Serge Pauwels (BEL/DDT) 5:12, 20. Domenico Pozzovivo (ITA/BAH) 5:18.

Share