Ruby Ter, Berlusconi a giudizio anche a Roma. Procedimento anche a Torino

Ruby Ter, Berlusconi a giudizio anche a Roma. Procedimento anche a Torino

Silvio Berlusconi è stato rinviato a giudizio a Roma dal gup per il reato di corruzione nell’ambito di uno dei filoni giunto a Roma per competenza da Milano dell’indagine Ruby Ter. Con Berlusconi rinviato a giudizio anche Mariano Apicella, accusato di corruzione e falsa testimonianza. Il processo inizierà il 23 novembre davanti alla II sezione penale. La vicenda giudiziaria è una tranche di quella legata alle serate organizzate nella villa di Arcore: secondo le accuse l’ex presidente del Consiglio avrebbe pagato Apicella per avere in cambio una sua falsa testimonianza sul caso. A Roma sarebbe avvenuta la prima dazione di denaro in favore del cantante che avrebbe ricevuto complessivamente dall’ex cavaliere 157mila euro.

Questo procedimento giudiziario è lo stralcio di una indagine che era partita a Milano e che si è polverizzata su diversi tribunali e tra questi quelli di Roma, Torino, Pescara, Treviso, Monza e Siena, a seconda dei soggetti e delle competenze territoriali. Per Berlusconi, che proprio in questi giorni aveva coronato il sogno di potersi ricandidare, sono arrivate altre tegole, oltre infatti che il rinvio a giudizio di Piazzale Clodio, è arrivata anche la richiesta di processo da Torino dove la procura ha chiesto il rinvio a giudizio dell’ex Cavaliere per aver corrotto una ex infermiera poi diventata modella e soubrette, coinvolta a sua volta nello scandalo delle cene a luci rosse di Arcore.

Share