Il piccolo Alfie Evans è morto nella notte nell’ospedale di Liverpool. Finisce l’estenuante lotta ideologica sul suo corpo devastato da un male incurabile

Il piccolo Alfie Evans è morto nella notte nell’ospedale di Liverpool. Finisce l’estenuante lotta ideologica sul suo corpo devastato da un male incurabile

Il piccolo Alfie Evans è morto all’ospedale Alder Hey di Liverpool, dove era ricoverato: lo hanno annunciato i genitori in un messaggio postato su Facebook. “Il mio piccolo gladiatore ha posato il suo scudo, le sue ali sono spuntate alle 2.30”, hanno scritto i genitori Kate James e Tom Evans. Giovedì scorso l’Alta Corte di Manchester aveva negato alla famiglia il permesso di trasferire Alfie – affetto da una malattia neurodegenerativa incurabile – in Italia, lasciando però aperta la porta ad un possibile ritorno a casa.

Da lunedì scorso non era più attaccato alle macchine che lo tenevano in vita. Di seguito la cronologia della vicenda. MAGGIO 2016. Nasce a Liverpool il piccolo Alfie Evans dai genitori ventenni Tom Evans e Kate James. Il bambino, dopo i primi mesi di vita, sembra debole e viene sottoposto a diverse visite mediche. DICEMBRE 2016. Il bimbo viene portato d’urgenza all’Alder Hey Hospital a Liverpool dopo aver perso conoscenza, in preda alle convulsioni. Le sue condizioni peggiorano e cade in coma. La diagnosi è infausta: Alfie soffre di una malattia neurodegenerativa sconosciuta. ESTATE 2017. Il padre lancia su Internet “l’Esercito di Alfie” raccogliendo il sostegno di migliaia di persone. I genitori si rivolgono al dottor Michio Hirano, il neurologo americano che aveva aiutato Charlie Gard, il bambino inglese protagonista di una vicenda simile. Speranze arrivano anche dallo Utah e dall’Italia. DICEMBRE 2017. L’ospedale dichiara di aver esaurito tutte le opzioni possibili per Alfie e si oppone al desiderio dei genitori di trasferire il piccolo al Bambin Gesù di Roma per tentare nuove cure sperimentali. I medici esprimono l’intenzione di appellarsi all’Alta Corte per avere il via libera a staccare Alfie dalle macchine che lo tengono in vita. FEBBRAIO 2018. Il caso finisce in tribunale e il giudice Anthony Hayden dà il via libera al piano di fine vita dei medici, ma i genitori non si danno per vinti e promettono battaglia. MARZO 2018: La richiesta di trasferire Alfie in Italia viene ripresentata in diverse sedi – Alta corte, Corte d’appello, Corte suprema e Corte europea per i diritti dell’uomo – ma viene sempre respinta. APRILE 2018. Tra i ricorsi, prosegue la battaglia legale dei genitori. Papà Tom vola a Roma e incontra Papa Francesco che nelle sue udienze pubbliche ha più volte esortato a pregare per il piccolo Alfie. Il 23 aprile il governo italiano gli concede in extremis la cittadinanza, nella speranza che questo porti a un suo trasferimento a Roma. La sera stessa il bimbo viene staccato dalle macchine ma resiste e continua a respirare. Il 24 aprile una nuova udienza dell’Alta Corte nega per l’ultima volta l’ipotesi di portarlo in Italia ma apre al suo ritorno a casa, condizione che non si riesce a realizzare. Il bimbo muore alle 2.30 di notte del 28 aprile.

Share