F1. Gran Premio della Cina a Shanghai. Vince Ricciardo, su Bottas e Raikkonen. Vettel solo ottavo, dopo essere stato speronato da Verstappen

F1. Gran Premio della Cina a Shanghai. Vince Ricciardo, su Bottas e Raikkonen. Vettel solo ottavo, dopo essere stato speronato da Verstappen

Daniel Ricciardo su Red Bull conquista la vittoria del Gp di Cina, terza prova del Mondiale di Formula 1. Sul circuito di Shanghai, il pilota australiano ha preceduto il finlandese Valtteri Bottas della Mercedes e Kimi Raikkonen con la Ferrari. Il campione del mondo Lewis Hamilton su Mercedes si è piazzato quarto, mentre l’altro ferrarista Sebastian Vettel, che aveva vinto le prime due gare stagionali in Australia e Bahrain e partiva dalla pole position, si è dovuto accontentare dell’ottavo posto dopo un contatto con Max Verstappen, che lo ha evidentemente speronato, meritandosi 10 secondo di penalizzazione.

Ricciardo: “vinco solo gare che non sono mai noiose”

“La mia vittoria più dolce? Non lo so. Ma quando vinco io non sono mai gare noiose… sono sempre piuttosto divertenti”. Così Daniel Ricciardo ha commentato dal palco della premiazione del Gran Premio della Cina il primo posto ottenuto davanti alla Mercedes di Bottas. “E’ stata una vittoria totalmente inattesa, 24 ore fa pensavo addirittura di dover partire dal fondo della griglia”, ha spiegato l’australiano della Red Bull che ieri ha dovuto cambiare il motore nelle terze libere rischiando di non prendere parte alle qualifiche. “Grazie al team per il lavoro fatto ieri, li ho ripagati con questa vittoria. Hanno lavorato tutti sodo. La seconda sosta durante la safety car? E’ stata la mossa decisiva, che ci ha fatto vincere”. Tanti i sorpassi compiuti dal pilota della Red Bull in gara tra cui quello su Hamilton: “A volte devi cercare di seguire il tuo istinto. Mi sono davvero divertito tanto. Avevamo le soft, sapevo che potevo andare più lungo in frenata, e a volte c’è solo un’opportunità e devi cercare di coglierla. E io l’ho sfruttata al massimo”, ha aggiunto.

Raikkonen: “prima parte della gara andata male, e poi un po’ di fortuna grazie alla safety car”

“Abbiamo fatto una buona partenza, poi ho bloccato alla prima curva e ho faticato nel seguire le Red Bull all’inizio. Quando ero solo non andavo male, ma sicuramente la prima parte della gara è stata lontana da quella ideale”. E’ l’analisi di Kimi Raikkonen dopo il Gran Premio della Cina, chiuso dal pilota della Ferrari al terzo posto, alle spalle del vincitore Ricciardo e a Bottas. “Siamo stati fuori molto a lungo, ho avuto un po’ di fortuna con la safety car, e abbastanza velocità con le medie ma alla fine ci sarebbe voluta gomma soft per attaccare davvero”, ha spiegato il finlandese. Sul duello per il secondo posto con il connazionale: “Ero abbastanza veloce, ma pur essendo più veloce di Bottas era molto difficile seguire chi sta davanti, bisogna avere una mescola migliore per attaccare con speranze di successo. Ma mi prendo quello che ho ottenuto, ad un certo punto non sembrava assolutamente una gara positiva”, ha aggiunto.

Vettel: “non avevo più armi, ho cercato di sopravvivere”

“Non c’è molto da aggiungere rispetto a quello che avete visto, sono le gare”. Così Sebastian Vettel, al termine del Gran Premio della Cina, ha commentato il contatto con Max Verstappen che ha compromesso la gara del tedesco e causato all’olandese una penalità di 10 secondi. “Ho perso il bilanciamento, c’era tantissimo sovrasterzo, era difficile stare in pista”, ha spiegato il ferrarista, ottavo al traguardo dopo essere scattato dalla pole. “Non avevo più armi, ho cercato semplicemente di sopravvivere. Cosa salvo di questo weekend? Credo sia stata una di quelle gare in cui a volte può andarti tutto a favore, altre ti vanno totalmente storte. La safety car è arrivata forse troppo presto per tornare ai box, poi – ha proseguito – la prima sosta un pochino lenta e ho perso una posizione. Poi è diventato molto difficile. Ho dato tutto, cercando di spingere”.

Hamilton: “macchina sotto sopra e non abbiamo più recuperato”

“Semplicemente, non avevo il passo oggi e nemmeno ieri. Ho faticato. Venerdì ero competitivo ma poi la macchina è stata messa sotto sopra e non abbiamo più recuperato”. Così Lewis Hamilton ha analizzato il risultato ottenuto nel Gran Premio di Cina, chiuso dall’inglese ai piedi del podio. “Ho faticato in gara, con le gomme. Anche la partenza è stata scioccante, è qualcosa su cui sicuramente devo migliorare, mi sta facendo perdendo punti preziosi”, ha sottolineato il campione del mondo in carica. Analizzeremo a fondo le cose, è stato un weekend da dimenticare”. “Verstappen troppo aggressivo? Gli sono grato per il suo modo di guidare…”, il commento di Hamilton sulla guida dell’olandese che con una manovra ha compromesso la gara di Vettel subendo una penalità di 10 secondi.

L’ordine di arrivo del Gran Premio di Cina, terzo appuntamento del Mondiale di Formula 1.

1 Daniel Ricciardo Red Bull-Tag Heuer 1:35:36.380, 2 Valtteri Bottas Mercedes +8.894s, 3 Kimi Raikkonen Ferrari +9.637s, 4 Lewis Hamilton Mercedes +16.985s, 5 Max Verstappen Red Bull-Tag Heuer +20.436s (penalizzato di 10 secondi), 6 Nico Hulkenberg Renault +21.052s, 7 Fernando Alonso McLaren-Renault +30.639s, 8 Sebastian Vettel Ferrari +35.286s, 9 Carlos Sainz Renault +35.763s, 10 Kevin Magnussen Haas-Ferrari +39.594s, 11 Esteban Ocon Force India-Mercedes +44.050s, 12 Sergio Perez Force India-Mercedes +44.725s, 13 Stoffel Vandoorne McLaren-Renault +49.373s, 14 Lance Stroll Williams-Mercedes +55.490s, 15 Sergey Sirotkin Williams-Mercedes +58.241s, 16 Marcus Ericsson Sauber-Ferrari +62.604s, 17 Romain Grosjean Haas-Ferrari +65.296s, 18 Pierre Gasly Toro Rosso-Honda +66.330s, 19 Charles Leclerc Sauber-Ferrari +82.575s. Ritiri: Brendon Hartley Toro Rosso-Honda.

Le classifiche del Mondiale di Formula 1 dopo il Gran Premio della Cina.

Piloti: 1 Sebastian Vettel 54 punti, 2 Lewis Hamilton 45, 3 Valtteri Bottas 40, 4 Daniel Ricciardo 37, 5 Kimi Raikkonen 30, 6 Fernando Alonso 22, 7 Nico Hulkenberg 22, 8 Max Verstappen 18, 9 Pierre Gasly 12, 10 Kevin Magnussen 11, 11 Stoffel Vandoorne 6, 12 Carlos Sainz 3, 13 Marcus Ericsson 2, 14 Esteban Ocon 1.

Costruttori: 1 Mercedes 85 punti, 2 Ferrari 84, 3 Red Bull/Renault 55, 4 McLaren/Renault 28, 5 Renault 25, 6 Toro Rosso/Honda 12, 7 Haas/Ferrari 11, 8 Sauber/Ferrari 2, 9 Force India/Mercedes 1.

Share