Neofascisti di Forza Nuova ancora all’attacco: atti di squadrismo contro il quotidiano la Repubblica a Napoli, la giornalista Arianna Giunti; a Forlì, il segretario della Fiom Cgil ferito, aggrediti gli studenti della Link. Minniti intervenga subito

Neofascisti di Forza Nuova ancora all’attacco: atti di squadrismo contro il quotidiano la Repubblica a Napoli, la giornalista Arianna Giunti; a Forlì, il segretario della Fiom Cgil ferito, aggrediti gli studenti della Link. Minniti intervenga subito

“Questa notte un gruppo di militanti di Forza Nuova ha affisso davanti alla redazione napoletana de ‘LaRepubblica’ uno striscione riportante il testo ‘boicotta l’informazione di regime’, uno striscione che racchiude in sé le condizioni del nostro paese, ed in più fuori numerose edicole e giornalai, affissi cartelloni invitanti al boicottaggio dell’informazione di regime”. E’ quanto si legge in un post sulla pagina Facebook di Forza Nuova Napoli. “Un’informazione guidata e gestita dai soliti noti, spiccano tra tutti i soliti Renzi e Soros, che grazie a questi pennivendoli, favoriscono l’invasione di immigrati, la sostituzione etnica e lo Ius soli – prosegue – Il nostro atto politico non vuole essere un attacco alla democrazia ma un boicottaggio a chi sostiene l’immigrazione ed il business che si cela dietro, per questo continueremo ad oltranza la nostra opera, affiancando i camerati romani nella dichiarazione di guerra all’ informazione di regime”.

La solidarietà delle istituzioni alla redazione di Repubblica

“Solidarietà e vicinanza alla redazione napoletana di Repubblica. Napoli antifascista sempre”. Lo dichiara il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. “Solidale con gli amici della redazione napoletana di Repubblica. I fascisti di Forza Nuova hanno paura del giornalismo libero e indipendente”: lo dichiara Arturo Scotto, deputato di Mdp ed esponente di Liberi e Uguali. L’Ordine dei giornalisti della Campania “è al fianco della redazione napoletana di Repubblica, presa di mira la scorsa notte dal movimento Forza Nuova che ha esposto uno striscione intimidatorio invitando a boicottare il quotidiano”. E’ quanto si legge in una nota dell’Odg Campania. Nei giorni scorsi un blitz di esponenti di Forza Nuova contro Repubblica ed Espresso era stato organizzato davanti la sede romana del quotidiano.

Forza Nuova all’attacco della giornalista Arianna Giunti, dell’Espresso. La nostra solidarietà

Nuovo grave episodio di intimidazione nei confronti della stampa e in particolare di una giornalista che collabora con l’Espresso, Arianna Giunti, autrice di un’inchiesta sul neofascismo sul web, tra cui Facebook, e su Casapound e Forza Nuova (militanti di Fn hanno preso parte a un blitz al quotidiano Repubblica, dello stesso gruppo editoriale, mercoledi’ scorso) pubblicata dal sito del settimanale. La cronista e’ stata “oggetto di una serie di aggressioni verbali e minacce via social” proprio su Fb. L’episodio e’ stato denunciato dall’Associazione lombarda dei giornalisti (Alg), nelle parole del presidente Perucchini, e dal presidente del Gruppo cronisti lombardi, Cesare Giuzzi, che hanno espresso la solidarieta’ della categoria e hanno chiesto che le autorita’ intervengano a tutti i livelli. L’inchiesta di Arianna Giunti, che ha annunciato all’ANSA che sporgera’ denuncia, riguarda “l’odio e la violenza con cui i fascisti riempiono le pagine di Facebook” e “i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web” soprattutto Casapound e ForzaNuova. “Siamo sconcertati nel leggere (ancora una volta) gli insulti e le minacce nei confronti di una collega: nei messaggi, oltre agli insulti, si fa riferimento alla necessita’ di ‘trovare il giornalista’, e le viene augurato di essere stuprata ‘dagli amici negri’. Minacce anonime, ma anche con nome e cognome e tanto di inviti ‘a sporgere denuncia’ con l’implicito riferimento non solo allo sprezzo nei confronti delle istituzioni democratiche del nostro Paese ma alle conseguenze spesso (purtroppo) nulle che simili minacce via Facebook ai giornalisti comportano per gli autori di queste vergognose azioni”, hanno sottolineato Giuzzi e Perucchini.

L’ultimo episodio della giornata: studenti e segretario della Fiom di Forlì aggrediti e feriti da giovani di Forza Nuova. Agli studenti la nostra solidarietà e al segretario Cotugno auguri di pronta guarigione

Oggi pomeriggio alcuni studenti di Link Forlì, insieme ad alcuni sindacalisti della Cgil Forlì sono stati picchiati e spintonati da un gruppo di militanti dichiaratisi di Forza Nuova. Lo rende noto Andrea Torti, coordinatore nazionale del movimento Link studenti universitari, che riferisce che il segretario della Fiom-Cgil, Gianni Cotugno è rimasto ferito nel corso dell’aggressione. “Quanto successo oggi non è un caso isolato, come non sono casi isolati i fatti di Como o quanto accaduto a Repubblica – sottolina Torti -. Si tratta di una strategia complessiva che vede frequenti aggressioni ad opera di diversi gruppi neofascisti che noi studenti subiamo ogni giorno in scuole e università. Domani, anche per questo, saremo a Como, con ‘Como senza Frontiere’ per denunciare quanto viviamo quotidianamente e solo da pochi giorni viene raccontato pubblicamente”. Per Martina Carpani, coordinatrice della Rete della Conoscenza, “serve una risposta reale e immediata a Forlì e in tutt’Italia, gli strumenti legislativi esistono, a partire dalla messa al bando delle organizzazioni neofasciste come Forza Nuova”.

“I fatti di questo pomeriggio a Forlì – un vero e proprio attacco squadrista in pubblica piazza ai danni di sindacalisti, studenti e militanti di sinistra – non lasciano spazio a dubbi casomai ce ne fossero: Forza Nuova e tutti i gruppi neofascisti vanno sciolti”, ha detto GiovanniPaglia, deputato di Sinistra Italiana. “Il ministro Orlando – ha detto – dia seguito alle parole dei giorni scorsi. Intanto esprimo la massima solidarietà mia e di Sinistra italiana al segretario della Fiom-Cgil, Gianni Cotugno, oggetto di una bastonata sferrata da un fascista e a tutti gli antifascisti forlivesi. Presenterò immediatamente un’interrogazione al ministro Minniti per sapere come sia possibile che fascisti armati scorrazzino impunemente per le nostre città. Occorre respingere con forza episodi e forze politiche del genere da parte di tutte le istituzioni e le forze democratiche”.

Share