Il calcio natalizio non si ferma, fra giro di boa del campionato e qualificazioni di Coppa Italia, raddoppia con le prime sentenze

Il calcio natalizio non si ferma, fra giro di boa del campionato e  qualificazioni di Coppa Italia, raddoppia con le prime sentenze

A differenza degli anni passati, quest’anno, tra Natale e Epifania, il calcio non solo non si ferma ma, fra Campionato e Coppa Italia, raddoppia. Nessuna sosta natalizia, adeguandosi ai tornei esteri, in attesa di chiudere l’anno assegnando il simbolico trofeo di campione d’inverno e di completare, poi, la quaterna delle semifinaliste  di Coppa Italia.

La penultima giornata di campionato, intanto, ha partorito una mini fuga di Napoli e Juve che, vincendo con Sampdoria e Roma, allungano grazie al secondo stop dell’Inter sorprendentemente battuta anche dal Sassuolo; l’unica a rimanere nella scia delle prime è rimasta la Lazio che, con un sonante poker ha rialzato la cresta dopo una sconfitta e un pari.

Lo sprint finale per il primo posto di metà torneo, quindi, se lo disputeranno Napoli e Juventus, ma, dalla caratura delle prossime avversarie, rispettivamente Crotone e Verona terz’ultima e penultima in classifica, non dovrebbero esserci problemi nell’acquisizione dei tre punti; di conseguenza, però, sarebbero gli uomini di Sarri  a festeggiare perché solo un risultato da autentico colpo di scena potrebbe vanificare una previsione che la logica delle forze in campo propone, anzi, impone e, quindi,  il punticino in più del Napoli potrebbe risultare decisivo.

Anche il terzo posto dell’Inter non è più tanto sicuro non solo perché l’avversario di turno sarà una rediviva Lazio. Gli uomini di Spalletti, dopo una favolosa serie di sedici risultati utili consecutivi, sono entrati in un buio tunnel di tre sconfitte con un solo gol messo a segno e, forse, è proprio qui la motivazione: fermatisi Icardi e Perisic, zero gol, zero risultati. E, forse,  l’inizio della crisi del  bomber argentino (17 gol  finora) ha coinciso con la crisi dell’Inter che solo ora mostra i propri limiti tecnici, in passato mascherati dai gol delle due punte (24 sui 34 segnati).

Inter-Lazio costituirà un’altra dura e forse decisiva prova per i nerazzurri contro un avversario che si è appena qualificato alla semifinale di Coppa Italia, dopo aver superato l’altalenante Fiorentina che, a sua volta, ospiterà il Milan reduce da una prova doppiamente entusiasmante proprio contro l’Inter.

La Roma, dopo la battuta d’arresto di Torino, ha necessità di rialzarsi subito per non farsi superare dalla Lazio, nonostante il prossimo avversario sia il Sassuolo proveniente da un tris di vittorie consecutivo.

È proseguita la serie positiva dell’Atalanta che, in penombra e silenziosamente, ha agguantato il sesto posto, andando a vincere a S. Siro contro il Milan; ora, gli orobici si giocheranno la qualificazione in Coppa Italia, martedì prossimo in casa Napoli: continua la splendida annata dei bergamaschi dopo il passaggio di turno  in Europa League.

Analogamente, il giorno dopo, in un altro spettacolare derby Juventus e Torino si disputeranno la semifinale di un torneo che, probabilmente perché inserito in questo particolare periodo, sta manifestando anche una più interessata attenzione da parte delle tifoserie.

Per concludere, l’autentica novità del calcio italiano è data dalla mancata sosta natalizia che, quasi a furor di popolo è stata abolita proprio per consentire ai tifosi di seguire e commentare le partite tra un panettone e un brindisi, senza dover attendere l’arrivo della Befana per la ripresa delle ostilità in campo.

Share