Casa delle Donne di Roma, la Cgil dura: “Sfratto sarebbe ennesima violenza”

Casa delle Donne di Roma, la Cgil dura: “Sfratto sarebbe ennesima violenza”

“Lo sfratto della Casa internazionale delle donne è un’ennesima violenza sulle donne. A Roma la casa è punto di riferimento, di accoglienza, e di orientamento per le donne in difficoltà ed è inoltre punto di incontro di culture, di idee, di valorizzazione e rispetto delle differenze. Negli anni ha acquisito un grande ruolo sociale offrendo servizi sociosanitari, legali e di orientamento al lavoro . Due donne la sindaca Raggi e l’assessora Baldassarre rigettano gli accordi fatto con il sindaco Marino rispetto al debito pregresso e invece di cercare soluzioni danno corso allo sfratto. Siamo con tutte coloro che si impegneranno per salvare la casa. Siamo certe che il 25 novembre sarà fondamentale presidiare la “nostra casa” con un’azione simbolica che sarà l’inizio di una lotta per respingere quello sfratto e trovare una soluzione affinché quel luogo continui a essere il punto di riferimento per le donne che é stato in questi anni”. Così, in una nota, il Coordinamento donne della Cgil di Roma e del Lazio.

Share