Baby pusher a sei anni. Scoperta shock dei carabinieri a Catania. A segno 36 arresti

Baby pusher a sei anni. Scoperta shock dei carabinieri a Catania. A segno 36 arresti
Incredibile ma vero. A Catania un bambino di soli sei anni veniva utilizzato dalle paranze del crimine organizzato per spacciare droga. La scoperta choc è stata fatta nel corso di una maxi operazione scattata nel capoluogo etneo, e che ha sgominato un vasto traffico all’ombra della mafia, portando alla decapitazione di una organizzazione criminale grazie a 36 arresti ed ad un centinaio di perquisizioni. Il piccolo, come hanno ricostruito gli inquirenti, era convinto che quello che faceva fosse un gioco, visto che aiutava il convivente della sua mamma, pusher di professione, a smerciare marijuana e cocaina, in una delle piazze di spaccio più remunerative del suk della droga a Librino.
Nel blitz dei carabinieri, coordinato dalla procura distrettuale, è stato passato al setaccio un intero agglomerato. I 36 indagati di cui è stata ordinata la custodia cautelare su richiesta della Direzione distrettuale antimafia sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di cocaina e marijuana per conto di Cosa nostra catanese. L’operazione e’stata denominata ‘Km zero‘.
Share