Vicenda Ilva. Re David, Fiom Cgil: “nessuna convocazione per i sindacati al Mise”. Il vescovo di Taranto, Santoro: “risposte urgenti”. Fratoianni: “assenza di politiche industriali”

Vicenda Ilva. Re David, Fiom Cgil: “nessuna convocazione per i sindacati al Mise”. Il vescovo di Taranto, Santoro: “risposte urgenti”. Fratoianni: “assenza di politiche industriali”

Sull’Ilva ai sindacati non è giunta ancora alcuna convocazione, riferisce la segretaria generale della Fiom-Cgil Francesca Re David, secondo la quale la trattativa “continua ad essere molto strana e molto opaca”. Intervistata a margine dell’assemblea generale della Fiom, in corso a Roma, Re David ha sottolineato di aver saputo dai comunicati e dalle agenzie di stampa che ci sarebbe stata una nuova convocazione del tavolo al ministero dello Sviluppo Economico, ma non è giunta alcuna comunicazione ufficiale. “Noi continuiamo – ha proseguito Re David – a ribadire che per fare una trattativa vera vanno tolti dal tavolo licenziamenti e riduzioni di diritti e salari. Ma per fare una trattativa vera il sindacato deve avere in mano tutti gli strumenti e quindi conoscere il piano industriale e gli eventuali accordi tra governo e proprietà. Questo continua a non essere – ha concluso – leggo che gli eventuali esuberi sarebbero diminuiti da 4.000 a 3.200 con i prepensionamenti: non ci sembra assolutamente la soluzione di cui stiamo discutendo”.

L’arcivescovo di Taranto, monsignor Santoro: “sull’Ilva siamo in una fase sospensiva a cui è giusto dare risposte”

“Il Governo ci sta rassicurando che gli esuberi non accadranno, che ci sarà una valorizzazione dell’occupazione, che i diritti preacquisiti saranno mantenuti: tutti segnali di una attesa da parte della gente, siamo in una fase sospensiva a cui è giusto dare una risposta positiva”, ha detto l’arcivescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, in merito alla vertenza Ilva. “La grande sfida è conciliare lavoro e ambiente”, ha detto l’arcivescovo a margine della presentazione della Settimana Sociale di Cagliari, il convegno della Cei sul lavoro che si terrà dal 26 al 29 ottobre. “La questione ambientale è quella che ci preoccupa in questo momento meno ma è quella che ha fatto scaturitre tutta la difficoltà che stiamo vivendo, quindi difesa dell’ambiente e questione dell’occupazione”, una “sfida aperta” che “in altri luoghi dell’Europa è stato possibile risolvere positivamente”, per cui anche l’Italia merita una “risposta adeguata”.

Nicola Fratoianni a Genova: “sull’Ilva prendere atto della totale mancanza di politiche industriali”

“Bisogna rimettere al centro della discussione politica il tema del lavoro, delle politiche industriali, per non rincorrere ciclicamente le crisi occupazionali e industriali che si presentano”, ha affermato il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Frantoianni a margine di un incontro pubblico, organizzato dal coordinamento genovese del partito, che si è tenuto a palazzo Fieschi a Genova Sestri Ponente. All’incontro hanno preso parte le rappresentanze sindacali, i lavoratori di vari aziende in crisi tra queste Ilva, Piaggio, Ericsson, oltre al deputato Luca Pastorino, il consigliere regionale Gianni Pastorino, oltre al regista e attore del teatro Stabile, Pino Petruzzelli che ha tenuto un breve monologo sul lavoro. “Credo che di fronte all’ennesima crisi industriale, come quella dell’Ilva, sia necessario prendere atto della totale mancanza di politiche industriali da parte della politica. Sono anche molto colpito che il governo abbia reagito agli esuberi e all’abbassamento salariale dopo che i commissari nominati da loro avessero firmato gli accordi”, ha detto Fratoianni.

Share