Migranti, dal 2007 popolazione straniera aumentata di oltre due milioni. I numeri del Dossier Migrantes

Migranti, dal 2007 popolazione straniera aumentata di oltre due milioni. I numeri del Dossier Migrantes
A 20 anni dalla scomparsa di Don Luigi Di Liegro – fondatore della Caritas diocesana di Roma e sostenitore della solidarietà nei confronti degli immigrati – è stata presentata presso il Nuovo Teatro Orione, la XVII edizione del dossier statistico immigrazione 2017.
 
Impegnati nella redazione del Dossier 131 autori del mondo accademico
 
Realizzato dal centro studi e ricerche Idos in collaborazione con l’Unar e, per il terzo anno consecutivo, in partenariato con il centro studi confronti e con il sostegno dei fondi otto per mille della chiesa valdese -unione delle chiese metodiste e valdesi- il dossier ha impegnato quest’anno 131 autori del mondo accademico, sociale, associativo e istituzionale, i quali hanno contribuito a redigere le varie parti del volume (internazionale, nazionale e regionali), con il supporto dei dati statistici più aggiornati. Alla presentazione hanno partecipato il vignettista Mauro Biani, Luca Anziani, pastore e vice moderatore della chiesa valdese, Franco Pittau del centro studi Idos, Insaf Dimassi, studentessa universitaria, don Vinicio Albanesi, presidente della Comunità di Capodarco, Ugo Melchionda, presidente Idos, Claudio Paravati del centro studi Confronti, Luigina di Liegro, nipote di Don Luigi Liegro, il vice ministro degli affari Esteri, Mario Giro e Tatiana Esposito che ha sostituito il sottosegretario al ministero del lavoro e delle politiche sociali, Luigi Bobba.

Tra il 2007 e il 2016 la popolazione straniera in Italia aumentata di 2.023.317 unità
 
Dal dossier emerge che tra il 2007 e il 2016 la popolazione straniera residente in Italia è aumentata di 2.023.317 unità e nel solo 2016 sono state 262.929 le persone registrate in provenienza dall’estero. “Al 31 dicembre 2016 il numero dei cittadini stranieri residenti in Italia (5.047.028) è aumentato di appena 20.875 persone rispetto al 2015. Le nazionalità maggiormente presenti nel territorio italiano sono la Romania con 1.168.552, Albania, Marocco, Cina, Ucraina, Filippine e Moldavia. La popolazione straniera negli ultimi dieci anni è raddoppiata in Italia”, dice Melchionda. Il presidente Idos, durante la presentazione del dossier, ha inoltre fatto riferimento alle imprese di imprenditori stranieri in Italia. “Sono 571.255 le imprese di imprenditori nati all’estero al 2016 registrate in Italia. Negli ultimi anni le uniche imprese che crescono sono quelle straniere”. “Ci rendiamo conto, spiega Tatiana Esposito, che c’è un problema di partecipazione al mercato del lavoro da parte di alcune comunità straniere e riscontriamo anche che alcune di esse si concentra solo in alcuni settori lavorativi. C’è una criticità se guardiamo ai canali di ricerca dell’occupazione. Sulle politiche di integrazione -conclude- si sconta un po’ di ritardo per aver concentrato molto l’attenzione sui temi della prima accoglienza”.
 
Contestato durante il suo intervento il viceministro degli Esteri Giro, per le politiche assunte da Minniti
 
L’intervento finale è spettato al vice ministro degli Esteri, Mario Giro, contestato da una spettatrice per le politiche assunte da Minniti. “Questo problema dell’integrazione che abbiamo di fronte, è un problema che ci porteremo avanti per lungo tempo, dobbiamo attrezzarci diversamente. Mi sono reso conto che niente è neutro. Almeno il 40% della nostra popolazione è ideologicamente convinta che gli stranieri se ne devono andare”. Non è mancato un riferimento allo Ius Soli. “Spero che lo Ius Soli venga approvato in Senato anche se non tutti sono d’accordo nell’attuale maggioranza”, afferma Giro.
Share