13 ottobre. La Fiom al fianco degli studenti

13 ottobre. La Fiom al fianco degli studenti

Il 13 ottobre, in occasione della giornata di mobilitazione studentesca, sono previste manifestazioni e assemblee nelle principali città del paese. La Fiom-Cgil sostiene la giornata di mobilitazione e le rivendicazioni studentesche per un rafforzamento degli investimenti in edilizia scolastica che metta in sicurezza le scuole del paese, per una nuova alternanza scuola-lavoro e in generale per una scuola che garantisca a tutti la possibilità di raggiungere i più alti livelli d’istruzione a prescindere dalle condizioni economiche di partenza attraverso il diritto allo studio garantito a tutte e tutti.

La Fiom, inoltre, sostiene lo “sciopero dall’alternanza scuola-lavoro” promosso dall’Unione degli studenti (Uds) contro l’alternanza scuola-lavoro così come regolamentata dalla Legge 107/15.

La Fiom esprime forte preoccupazione per l’attuazione della misura che da quest’anno arriverà a regime coinvolgendo oltre 1 milione e mezzo di studenti, una parte dei quali svolgerà le 200 o 400 ore di alternanza (a seconda che si tratti di studenti dei licei o di studenti degli istituti tecnici e professionali) nelle aziende metalmeccaniche senza che vi sia stato alcun coinvolgimento del sindacato.

Per questo la Fiom denuncia il forte rischio che l’alternanza sia utilizzata dalle aziende come strumento di sfruttamento e sostituzione di manodopera con lavoro gratuito, in assenza di tutele e garanzie per gli studenti coinvolti, come dimostrano i casi di molestie a 4 studentesse in alternanza di questa estate a Monza e il grave incidente di sabato scorso a La Spezia di cui ha fatto le spese uno studente di 17 anni in alternanza scuola-lavoro in un’azienda del territorio.

Per questo la Fiom sostiene le manifestazioni e le assemblee della mattina e sarà presente in alcune città alle iniziative di sciopero alla rovescia contro l’alternanza, organizzate nel pomeriggio del 13 ottobre dagli studenti dell’Uds, per parlare con studenti, genitori, docenti, operatori, e portare il colore blu delle tute metalmeccaniche, simbolo dell’iniziativa, nelle piazze e nelle scuole.

Share