Mobilità urbana, il colosso Uber finisce al tappeto a Londra. Ritirate le licenze: “Inadatto ed inadeguato”

Mobilità urbana, il colosso Uber finisce al tappeto a Londra. Ritirate le licenze: “Inadatto ed inadeguato”

A Londra Uber finisce al tappeto, visto che si è visto ritirare la licenza di operare in città. L’annuncio è stato dato dall’autorità di regolazione dei trasporti della capitale britannica (TFL) che ha giudicato il servizio di trasporto automobilistico privato “inadatto e inadeguato”, anticipando l’intenzione di non rinnovare la licenza in scadenza il prossimo 30 settembre.

La TFL ha lamentato come “l’approccio e il comportamento di Uber evidenziano una mancanza di responsabilità aziendale in merito a una serie di questioni collegate alla sicurezza pubblica”. La società ha 21 giorni per presentare appello: in attesa della decisione Uber potrebbe continuare a operare. Commentando la decisione – che sostiene “pienamente” – il sindaco di Londra Sadiq Khan ha osservato come “la fornitura di un servizio innovativo non dovrebbe avvenire a spese della sicurezza” dei clienti.

“Tre milioni e mezzo di londinesi che utilizzando la nostra app e più di 40mila driver partner che lavorano principalmente grazie a Uber rimarranno senza parole quando verranno a sapere di questa decisione”. Così Tom Elvidge, general manager di Uber a Londra. “Revocando la nostra licenza di operare nella capitale – sostiene Elvidge – è stato assecondato un ridotto numero di persone che vogliono limitare le scelte dei cittadini. Se questa decisione dovesse essere confermata, oltre 40mila autisti partner di Uber rimarranno senza lavoro e Londra verrà privata di un modo di spostarsi conveniente e affidabile. Intendiamo fare appello subito per difendere il lavoro di tutti questi driver e il diritto di scelta di milioni di londinesi che utilizzano la nostra app”.

 

Share