Fragilità sociali. Il vertice Minniti-Raggi fissa i paletti su emergenza casa, sgomberi e politiche migratorie. Roma Capitale chiede di utilizzare le caserme per i 10mila aventi diritto ad un alloggio

Fragilità sociali. Il vertice Minniti-Raggi fissa i paletti su emergenza casa, sgomberi e politiche migratorie. Roma Capitale chiede di utilizzare le caserme per i 10mila aventi diritto ad un alloggio
Si è svolto “in un clima pienamente costruttivo” l’incontro al Viminale tra il ministro dell’Interno, Marco Minniti, e la sindaca di Roma, Virginia Raggi. I due, si legge in una nota congiunta, “hanno convenuto sull’importanza di una collaborazione interistituzionale, come quella già in corso con la Regione, per affrontare il tema dell’emergenza abitativa, delle politiche migratorie e dell’accoglienza, stabilendo delle priorità nel rispetto dei principi di legalità e di umanità”. Il ministro Minniti ha illustrato le linee guida in via di definizione da parte del Ministero, fondate su due pilastri, uno nazionale e uno territoriale a partire dalle Città Metropolitane per affrontare il problema degli sgomberi e il tema delle fragilità sociali.
La sindaca Raggi ha presentato “tra le altre due proposte: la messa a disposizione delle caserme, quelle che hanno peraltro gli alloggi di servizio e che quindi potrebbero essere riadattate per abbassare le liste di attesa. Ricordiamo che a Roma ci sono oltre 10mila persone che attendono una casa da oltre 10 anni. Un’altra proposta a mio avviso interessante è quella di riattivare il mercato immobiliare”. 
A poche centinaia di metri, in piazza dell’Esquilino, è in corso un sit-in dei movimenti per il diritto alla casa. Raggi ha ufficializzato, sul fronte dell’emergenza abitativa, la richiesta di assegnare alle amministrazioni locali caserme e forti con “relative risorse per riqualificarli, renderli disponibili” e “darli alle famiglie” in difficoltà: “Stiamo lavorando e a breve sarà emanata questa direttiva, per altro anche sugli sgomberi, e ci saranno ulteriori iniziative che il ministro porrà in essere. Oggi è stato un incontro molto positivo in un clima collaborativo. Io ho provato a portare al tavolo le nostre proposte di rivedere l’intero sistema che va dall’emergenza alloggiativa all’accoglienza delle fragilità ed al discorso dei rifugiati. Tutto questo va fatto in un percorso di legalità che tenga conto della tutela delle fragilità”. Lo ha affermato la sindaca di Roma, Virginia Raggi, fermandosi con i cronisti al termine dell’incontro con il ministro Marco Minniti al Viminale.
“Io ho presentato tra le altre due proposte: la messa a disposizione delle caserme, quelle che hanno tra l’altro gli alloggi di servizio, che potrebbero essere riadattate per abbassare le liste di attesa: ricordiamo che a Roma ci sono 10 mila persone che attendono una casa da oltre 10 anni. Un’altra proposta a mio avviso interessante – ha aggiunto – è quella di riattivare il mercato immobiliare. A Roma abbiamo oltre 200 mila case fra sfitte ed invendute: questo consentirebbe di abbattere le liste di attesa e di riattivare un settore economico in grave crisi da parecchi anni”.
 
 
Share