Brescia, dieci condanne per 109 anni di carcere agli uomini della ‘Ndrangheta

Brescia, dieci condanne per 109 anni di carcere agli uomini della ‘Ndrangheta

Si è chiuso con dieci condanne per complessivi 109 anni e 6 mesi e 6 assoluzioni il processo davanti al tribunale di Brescia per estorsioni, minacce, detenzione abusiva di armi, aggravati dall’associazione a delinquere di stampo mafioso, per fatti accaduti a Mantova dove nel 2015 vennero arrestate 117 persone e con l’inchiesta dell’antimafia che toccò anche l’amministrazione comunale (Nella foto il cartellone di una delle ultime operazioni) . Fra i condannati c’è Nicolino Grande Aracri, capo cosca e boss della ‘ndrangheta. Per lui la pena da scontare è di 28 anni.

Share