Alfano vince ancora: il Ddl Falanga sull’abusivismo edilizio rischia di passare ed è un condono permanente. La denuncia di Felice Casson, Enrico Rossi e dei capigruppo di Sinistra Italiana

Alfano vince ancora: il Ddl Falanga sull’abusivismo edilizio rischia di passare ed è un condono permanente. La denuncia di Felice Casson, Enrico Rossi e dei capigruppo di Sinistra Italiana

“Il Ddl sull’abusivismo è un condono permanente. Per questo al Senato Articolo 1-Mdp ha votato contro”, dichiara il senatore Felice Casson in una nota, in vista dell’approdo del provvedimento all’esame della Camera dei deputati la prossima settimana. “Con questa legge le demolizioni verranno fermate”, afferma Casson, sottolineando che “l’aspetto ancor più grave del ddl è che la sua applicazione non ha alcun limite di tempo, a differenza ad esempio dei tanto vituperati condoni. Ciò significa che nel prossimo futuro chiunque potrà edificare materialmente una villa o una casa in una vallata, su una costa, in una zona di pregio, in qualunque zona, anche sottoposta a vincoli. In questo modo il Parlamento si sta accingendo a legalizzare in modo permanente l’abusivismo edilizio, invece di bloccarlo”. Inoltre, aggiunge Casson, “è certo che la norma diventerà uno strumento importante nelle mani della criminalità. Infatti, con vari sistemi, con i prestanome, con l’indicazione di criteri di necessità previsti dalla legge, si potrà continuare a costruire case abusive in dispregio alla legge fondamentale che riguarda questa materia. Questa, sostanzialmente, è l’amara realta’”.

“Si difendono gli abusivi e non si dà la cittadinanza a 800.000 ragazzi nati e cresciuti in Italia. La legge dell’alfaniano Falanga che rende praticamente impossibile demolire gli abusi edilizi non potrà essere impugnata da Delrio, semplicemente perché a farla sarà la maggioranza del Parlamento. Per difendere gli abusivi si trova il tempo, mentre non lo si trova per approvare lo ius soli. Penso che molti compagni della sinistra e del PD siano indignati. Facciamoci sentire”. Così Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana e fondatore di Articolo UNO – Mdp, sulla propria pagina facebook.

“Sinistra Italiana, che si è battuta al Senato contro il ddl Falanga, esprime la propria preoccupazione per la calendarizzazione del provvedimento già da lunedì alla Camera. Ribadiamo la nostra netta contrarietà a una legge che apre la strada a una sanatoria edilizia mascherata, ripropone un condono senza scadenza e ostacola di fatto l’attività delle Procure impegnate in prima linea contro l’abusivismo edilizio. Si rischia di agevolare le organizzazioni criminali che alimentano il fenomeno e che si potranno grazie a questa legge avvalere di prestanome per far figurare occupati gli alloggi e procrastinare sine die le demolizioni”. Lo dichiarano i capigruppo di Si alla Camera e al Senato Giulio Marcon e Loredana De Petris. “In un paese dove il rischio sismico e il dissesto idrogeologico sono emergenze quotidiane – proseguono i due capigruppo – è paradossale che si discuta ancora dell’ennesimo regalo a chi ha massacrato il territorio. Daremo battaglia alla Camera per bloccare un provvedimento che potrebbe aggravare la situazione di dissesto del territorio nelle Regioni interessate. Facciamo appello a tutti i deputati e non solo a quelli di Si perché impediscano questo nuovo scempio”, concludono i due capigruppo di Sinistra italiana.

Share