Tour, Barguil si aggiudica la 13ma tappa. Aru resta in maglia Gialla

Tour, Barguil si aggiudica la 13ma tappa. Aru resta in maglia Gialla
Warren Barguil (Sunweb) ha vinto per distacco la 13/a tappa del 104 Tour de France di ciclismo, da Saint-Girons a Foix, lunga 101 chilometri. Fabio Aru, che è giunto sul traguardo con un minuto e 48” di ritardo, ha comunque  conservato la maglia gialla di leader della corsa a tappe francese. Ecco le parole di Aru intercettate immediatamente dopo la fine della tappa: “Dal punto di vista dello spettacolo è stata una bellissima giornata, ho pensato a mantenere la calma, ho subito tanti attacchi, ma sono ancora in maglia gialla ed è questa la cosa più importante. Fuglsang? Era impossibile continuare per lui, il suo ritiro è una grossa perdita per noi, da domani il resto dei compagni sarà pronto per difendere la leadershipLo spettacolo non è mancato, ci sono stati attacchi per tutto il giorno, ma io non ho perso la concentrazione: nelle corse a tappe queste situazioni capitano. La tattica del Team Sky? Non so cosa dire. Darei un bel 10 alla tappa, il pubblico ha bisogno di spettacolo“.
 
Nel giorno della presa della Bastiglia, a vincere la tappa del Tour de France è proprio un corridore di casa. All’alba dei 100 km della Saint-Girons-Foix, a portarsi subito in testa è il terzetto composto da Chavanel, De Marchi e Gilbert. Al traguardo volante, il ciclista della Direct Energie è davanti a tutti, con l’azzurro terzo. Dietro, il gruppo maglia gialla è ben compatto. Nel frattempo, al secondo gpm, cambia la testa della corsa: davanti ci sono due spagnoli, Alberto Contador e Mikel Landa, con Barguil, Quintana e Kwiatowski con 30 secondi di ritardo, mentre restano dietro Froome e Aru. Il ciclista dell’Astana, però, all’inizio del Mur de Peguere perde Fuglsang, costretto al ritiro, il secondo di squadra dopo quello di Cataldo.
 
Al terzo gpm, il gruppo di testa diventa un quartetto: insieme ai due spagnoli ci sono Barguil e Quintana. E’ lo spagnolo del Trek-Segafredo a lanciare la volata. A tagliare il traguardo per primo, però, è il francese del Team Sunweb, che con lo scatto decisivo anticipa il colombiano della Movistar e Contador e si aggiudica la sua prima vittoria in una tappa del Tour de France, la terza ai grandi giri dopo le due vittorie nel 2013 alla Vuelta. A soli 2” Mikel Landa, quarto. Dopo 1’48”, invece, taglia il traguardo il gruppo maglia gialla composto da Chris Froome, Fabio Aru e Rigoberto Uran. Nonostante le difficoltà di giornata, l’azzurro dell’Astana riesce comunque a conservare la maglia gialla. In classifica generale, non cambia nulla nelle prime posizioni: Aru conserva la vetta e i 6” di vantaggio sull’inglese del Team Sky, con Bardet e Uran sempre, rispettivamente, a 25” e 35”. Gran balzo in avanti di Landa, quarto all’arrivo di Foix, ora a 1’09”.
 
Ecco comunque le classifiche. Quella parziale e quella generale
 
Ordine di arrivo 12ª tappa, Pau-Peyragudes (214.5 km)
 
1 Romain Bardet (Fra) AG2R in 5h49’38’’
2 Rigoberto Uran (Col) Cannondale-Drapac a 2’’
3 Fabio Aru (Ita) Astana a 2’’
4 Mikel Landa (Spa) Team Sky a 5’’
5 Louis Meintjes (Rsa) UAE Emirates a 7’’
6 Daniel Martin (Irl) Quick-Step Floors a 13’’
7 Chris Froome (Gbr) Team Sky a 27’’
8 George Bennett (Nzl) Team LottoNL-Jumbo a 27’’
9 Simon Yates (Gbr) Orica-SCOTT a 27’’
10 Mikel Nieve (Spa) Team Sky a 1’28’’
 
Classifica generale dopo la tappa 12:
 
1 Fabio Aru (Ita) Astana in 52h51’49’’
2 Chris Froome (Gbr) Team Sky a 6’’
3 Romain Bardet (Fra) AG2R a 25’’
4 Rigoberto Uran (Col) Cannondale-Drapac a 35’’*
5 Daniel Martin (Irl) Quick-Step Floors a 1’41’’
6 Simon Yates (Gbr) Orica-SCOTT a 2’13’’
7 Mikel Landa (Spa) Team Sky a 2’55’’
8 Nairo Quintana (Col) Movistar a 4’01’’
9 George Bennett (Nzl) Team LottoNL-Jumbo a 4’04’’*
10 Louis Meintjes (Rsa) UAE Emirates a 4’51’’
*Annullata la penalità di 20 secondi inflitta dalla giuria a Rigoberto Uran dopo la tappa di ieri. Il colombiano era stato sanzionato per aver preso una bottiglietta dallo staff della Cannondale negli ultimi 10 km della frazione. Nel motivare la sua decisione, l’Uci ha spiegato che le ammiraglie non sono riuscite a rifornire i loro corridori perché rimaste bloccate. Annullate anche le sanzioni a Serge Pauwels (Team Dimension Data) e George Bennett (Squadra Lotto NL-Jumbo).