Washington. Gli americani si fermano per la deposizione dell’ex direttore FBI Comey sull’affaire Flynn. “Trump è un bugiardo”, dice

Washington. Gli americani si fermano per la deposizione dell’ex direttore FBI Comey sull’affaire Flynn. “Trump è un bugiardo”, dice

L’America si è fermata per ascoltare la deposizione di James B. Comey, l’ex capo dell’Fbi silurato dal presidente Donald Trump, davanti alla commissione Intelligence del Senato degli Stati Uniti che sta indagando sulla possibile interferenza russa nelle elezioni presidenziali americane del novembre scorso. Ad aggiungere tensione all’evento, l’eventualità, che poi non si è verificata, che il presidente americano reagisse in tempo reale con i suoi Tweet. “Abbiamo cancellato le riunioni, quando abbiamo visto a che ora si sarebbe svolta” l’audizione, ha detto al New York Times Karen J.Kessler, direttore di un’agenzia di comunicazioni, “è un must-tv”. Tutte le televisioni nazionali hanno predisposto la programmazione per trasmettere live l’audizione. I bar di Houston e San Francisco hanno previsto un’apertura anticipata e i professori hanno rivisto le loro lezioni per poter commentare con gli studenti la testimonianza di Comey.

Comey, ex direttore Fbi: “Trump ha mentito agli americani”

Trump “ha mentito” agli americani e ha “diffamato me e l’Fbi”. “Non ci sono dubbi” che la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi dello scorso anno, ma “ho fiducia” che “nessun voto sia stato alterato”. Questi i passaggi più significativi della testimonianza dell’ex direttore dell’Fbi, James Comey, davanti alla commissione Intelligence del Senato. Nella prima apparizione dal suo licenziamento, avvenuto un mese fa, Comey ha attaccato l’attuale amministrazione sin dalle sue prime parole: “L’amministrazione ha scelto di diffamare me e, ancor più importante, l’Fbi”, affermando che il Bureau era “nel caos”. “Sono state dette bugie, mi dispiace per gli americani”. L’Fbi “è e sarà sempre indipendente”, ha detto Comey, che ha spiegato che “le motivazioni date per il mio licenziamento erano ambigue, non avevano senso, mi hanno confuso e preoccupato”. L’ex direttore dell’Fbi ha scritto nella sua testimonianza, resa pubblica ieri e non ripetuta davanti alla commissione, che aveva cominciato a prendere nota delle sue conversazioni con il presidente Trump, prendendo un’abitudine che non aveva mai avuto. E lo ha fatto, ha spiegato, perché “ero onestamente preoccupato che il presidente potesse mentire sulla natura dei nostri incontri e ho pensato fosse importante documentarli”.

Comey: “non ci sono dubbi che la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali”

Comey ha dichiarato che “non ci sono dubbi” che la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi dello scorso anno, spiegando comunque di avere fiducia nel fatto che “nessun voto sia stato alterato” come conseguenza delle ingerenze di Mosca. Comey ha poi aggiunto che l’Fbi ha scoperto le intrusioni informatiche russe verso la fine dell’estate del 2015. Comey ha detto che Trump “sembrava voler ottenere qualcosa” da lui, durante il loro incontro del 27 gennaio; l’ex direttore dell’Fbi ha detto di essere rimasto “sorpreso” e “innervosito” che Trump gli avesse chiesto se volesse rimanere al suo posto, perché aveva già detto chiaramente di volerlo fare. Comey ha detto di essere andato via da quella cena con la sensazione che Trump “volesse ottenere qualcosa in cambio della mia richiesta di restare in carica”. Comey non ha voluto ripetere la dichiarazione iniziale resa pubblica ieri, lunga sette pagine e composta da 3.100 parole, in cui ha confermato che Trump gli chiese “lealtà” e di “lasciar correre”, quindi di chiudere, l’inchiesta su Michael Flynn, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale che aveva mentito sulle sue conversazioni con l’ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak. Un’altra richiesta di Trump a Comey fu quella di affermare pubblicamente che il presidente “non era personalmente sotto inchiesta”, ma Comey non lo fece per rispettare i protocolli. Comey si è rifiutato di dichiarare se consideri la richiesta di Trump di chiudere le indagini su Flynn un tentativo di ostruire la Giustizia, ma l’ha definita “una cosa molto inquietante e preoccupante”. Ha poi aggiunto di aver preso le parole di Trump “come una ‘direzione’… l’ho presa come quello che voleva che io facessi”. E a proposito delle indagini, Comey ha ribadito di aver detto a Trump “che non era sotto indagine dell’Fbi durante il nostro primo incontro”. “Prima dell’incontro del 6 gennaio, discussi con i leader dell’Fbi se dovessi prepararmi a rassicurare il presidente eletto Trump che non stavamo indagando su di lui. Era vero. Non avevamo un caso aperto su di lui. Fummo d’accordo che dovessi avvertirlo. Durante il nostro incontro faccia a faccia alla Trump Tower, gli diedi questa rassicurazione”.

Comey aveva condiviso copie delle note con Daniel Richman, per consegnarle eventualmente ai giornalisti

Durante la testimonianza, Comey ha dichiarato di aver condiviso delle copie delle sue note sulle conversazioni con il presidente degli Stati Uniti con un amico – un professore della Columbia Law School, Daniel Richman – in modo che potesse consegnarle ai giornalisti. Comey ha detto di averlo fatto nella speranza che si arrivasse alla nomina di un procuratore speciale sulle presunte interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi, come poi successo (Robert Mueller). Comey ha detto di sperare che “ci siano davvero le registrazioni delle conversazioni” con il presidente e ha invitato a “pubblicarle tutte. Mi va bene”, facendo riferimento a un tweet in cui Trump lasciava intendere che ci potessero essere delle registrazioni degli incontri. L’ex direttore dell’Fbi ha poi rivelato che Trump non è stato l’unico componente dell’amministrazione statunitense a comportarsi in modo “preoccupante” nell’ultimo anno. Ha detto che Loretta Lynch, segretario alla Giustizia dell’amministrazione Obama, gli disse di definire il caso sulle e-mail di Hillary Clinton una “questione”, non “un’indagine”. Le sue parole, ha detto Comey, “mi confusero e mi preoccuparono”. Comey ha detto che questa è stata una delle ragioni per cui sentì la necessità di annunciare pubblicamente le novità emerse sul caso, che per i democratici avrebbero danneggiato Clinton alle elezioni. L’altro fattore determinante fu l’incontro in aeroporto tra l’ex presidente Bill Clinton e la stessa Lynch, che creò grosse polemiche negli Stati Uniti. Comey ha detto di aver annunciato le novità sul caso per proteggere la credibilità dell’Fbi e del dipartimento di Giustizia. L’audizione di Comeyproseguirà nel pomeriggio americano, per un’ora e mezza, ma a porte chiuse. Ora, è attesa la dichiarazione di Marc Kasowitz, l’avvocato personale di Trump, e si tratterà della sua prima apparizione pubblica. Lo scorso mese, Trump ha affidato a Kasowitz la responsabilità di gestire le inchieste sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Sarah Huckabee Sanders, vice portavoce della Casa Bianca, ha dichiarato, rispondendo a Comey, che Trump “non è un bugiardo”.

Share