Parigi. Ancora un attentato contro le forze di polizia sugli Champs Elysées. L’aggressore è morto e non risultano agenti feriti

Parigi. Ancora un attentato contro le forze di polizia sugli Champs Elysées. L’aggressore è morto e non risultano agenti feriti

 Parigi, Champs Elysées nuovamente sotto attacco. Un uomo con un’auto si è lanciato contro un furgone della polizia. Il mezzo ha preso fuoco, ma non risultano agenti feriti mentre l’aggressore è morto, secondo quanto riferito dal ministro dell’Interno Gérard Collomb.

“Il ministro dell’Interno è sul posto ed è a fianco della polizia – ha spiegato il portavoce Pierre Henry Brandet – i mezzi della prefettura sono intervenuti sul posto e sono in corso le operazioni per assicurarsi che non ci sia più alcun pericolo, ma in ogni caso gli Champs Elysées e il quartiere sono stati chiusi”. L’intervento degli artificieri è stato necessario per il ritrovamento all’interno dell’auto di bombole di gas, pistole e un kalashnikov. Proprio sugli Champs Elysées, a pochi passi dal luogo dell’impatto, solo due mesi fa un poliziotto era stato ucciso in un attacco jihadista.

Secondo altre fonti, citate da Bfmtv che parla del ritrovamento di una carta d’identità all’interno dell’auto, l’uomo era originario di Gennevilliers, nel Hauts-de-Seine. Sempre secondo BFMTV, l’uomo avrebbe dato fuoco alla sua auto prima di andare a urtare contro il furgoncino dei gendarmi.

“Ancora una volta le forze di sicurezza in Francia sono state colpite con questo tentativo di attentato sugli Champs-Elysees”, ha detto il ministro dell’Interno, Gerard Collomb, in una dichiarazione dagli Champs-Elysees. “Nell’auto – ha aggiunto – c’erano un certo numero di armi ed esplosivi che avrebbero dovuto consentire di far esplodere il veicolo”. Collomb ha poi aggiunto che quanto accaduto conferma “l’alto livello di minaccia” terroristica e la necessità di varare la nuova legge antiterrorismo promessa dal presidente Emmanuel Macron.

Share