Manila. L’isis rivendica l’attentato al Resorts World. 36 le vittime accertate e almeno 50 i feriti

Manila. L’isis rivendica l’attentato al Resorts World. 36 le vittime accertate e almeno 50 i feriti

Cresce il caos nelle Filippine dopo che un uomo armato ieri sera ha sparato alcuni colpi e poi ha appiccato il fuoco nel casinò del Resorts World Manila, nella capitale. Le vittime sono almeno 36 e i feriti oltre 50, anche se il bilancio potrebbe essere destinato a crescere, la maggior parte delle quali è morta soffocata nell’incendio. L’Isis ha rivendicato l’attacco, sostenendo di conoscere l’identità dell’attentatore, che si è poi ucciso dandosi fuoco in una camera dell’hotel, e che il suo obiettivo era di incendiare la sala giochi del complesso. Anche il presidente americano, Donald Trump, subito aveva fatto sapere di seguire gli sviluppi di quello che descriveva come un attacco “terroristico”. Per contro, un portavoce del presidente filippino, Rodrigo Duterte, ha sottolineato che si crede si sia trattato di un tentativo fallito di rapina e non di un fatto ricollegabile allo Stato islamico. “Tutto indica un atto criminale da parte di un individuo apparentemente disturbato emotivamente”, ha dichiarato Ernesto Abella, portavoce di Duterte, “anche se l’autore ha sparato dei colpi di avvertimento, non sembra esserci indicazione che avrebbe voluto fare del male o sparare a qualcuno”.

Intanto, la polizia sta cercando una persona connessa all’attentato, avvenuto intorno alla mezzanotte, quando l’uomo ha fatto irruzione nel casinò sparando agli schermi televisivi della sala gioco e versando benzina sui tavoli. Il suo corpo è poi stato ritrovato all’alba nella stanza 510. Si sarebbe steso sul letto con una coperta a cui poi ha dato fuoco. Secondo il capo della polizia filippina, lo Stato islamico potrebbe aver rivendicato l’attacco a fini di propaganda. Il sud del Paese è infatti attraversato da scontri tra le truppe governative e i ribelli islamici. Duterte ha dichiarato la legge marziale sull’isola meridionale di Mindanao la settimana scorsa e ha avvertito che potrebbe diventare un paradiso per i sostenitori dell’Isis che fuggono dall’Iraq e dalla Siria.

Resorts World Manila è un complesso a Newport City. Ospita diversi hotel, ristoranti e bar. E’ molto frequentato dai turisti per il suo casinò, per il centro commerciali, oltre che per il cinema e per il teatro. Le Filippine si trovano di fronte a un’ondata di terrorismo islamista, in particolare nella zona di Mindanao, dove le forze del governo si trovano a combattere contro militanti che fanno riferimento allo Stato islamico (Isis).

Alcuni dei turisti presenti nel casinò del Manila Word nella capitale delle Filippine si sono feriti gettandosi dal secondo piano della struttura per scappare dall’attacco terroristico. L’azione è stata rivendicata da lupi solitari di Isis (sempre secondo quanto sostiene Site, l’organizzazione Usa che monitora i siti jihadisti) provenienti dalla città di Marawi, dove da una settimana membri di Abu Sayyaf, gruppo terrorista locale che ha giurato fedeltà ad Isis, ha iniziato a colpire la popolazione locale.

Share