Civita di Bagnoregio, più vicino il riconoscimento Unesco come patrimonio dell’umanità

Civita di Bagnoregio, più vicino il riconoscimento Unesco come patrimonio dell’umanità
l Presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti ha presentato, presso la Sala conferenze dell’Associazione Civita, il percorso e le iniziative a sostegno dell’iter per la Candidatura di Civita di Bagnoregio a Patrimonio Unesco, unitamente al Presidente della Commissione Nazionale Unesco Franco Bernabè, al sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti e al Presidente dell’Associazione Civita Gianni Letta. Nel corso dell’incontro è stata illustrata la risposta data dalla Rappresentanza permanente dell’Italia presso l’Unesco che ha deciso di iscrivere Civita di Bagnoregio e il suo “Paesaggio Culturale” nella Lista Propositiva Italiana (Tentative List) nell’ambito della Convenzione sul Patrimonio Mondiale, prima condizione di un ancora lungo iter verso l’auspicata Candidatura.
“Per me è sempre emozionante parlare della mia città”, ha detto il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti nel corso della Conferenza Stampa. Il sindaco ha poi ricordando come “Civita è diventata la prima località europea per crescita della popolazione turistica, negli ultimi 5 anni. Siamo soddisfatti, di questa crescita, ottenuta attraverso l’uso della cultura, in tutte le sue sfaccettature, ma da soli mai saremmo riusciti, senza il supporto di una Regione con una ‘R’ maiuscola, che ci ha supportato anche con eventi straordinari”. “Trent’anni fa – ha ricordato il Presidente dell’Associazione Civita Gianni Letta – arrivammo lassù e in dieci persone decidemmo di lanciare un progetto e lì nacque l’Associazione Civita. Oggi come allora, innamorati di quel paesaggio, ci raduniamo attorno al borgo e ci auguriamo ogni successo”.‎ “Il presidente della commissione Unesco non può avere figli e figliastri – ha detto il Presidente della Commissione Nazionale Unesco Franco Bernabè – ma è importante essere qui per la straordinarieta del luogo che porta a condividere la passione per questa iscrizione nella lista.‎ Civita è uscita dal cono d’ombra che per un certo periodo l’ha paralizzata. E’ un unicum, inserito nel contesto della Tuscia storica”, ha concluso. Si tratta dell’occasione di rivincita di un Paese, l’Italia, e del suo territorio grazie a un “unicum” paesaggistico nel quale si coniugano processi geomorfologici ad elevata intensità e capacità di adattamento dell’uomo ad un ambienta ostile. Nel corso della primavera 2015 Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti si è fatto promotore dell’Appello per la “Salvezza di Civita di Bagnoregio e della Valle dei Calanchi” che ha ricevuto in breve tempo il sostegno di 151 autorevoli esponenti del mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo, della scienza, delle professioni liberali, dell’Accademia, e al quale hanno aderito sulla piattaforma online Change.org quasi 40 mila semplici cittadini. Civita di Bagnoregio ha così oggi l’occasione di diventare il simbolo della bellezza, della rinascita e del riscatto del paesaggio italiano nel nome di tutti gli antichi borghi storici.

Leave a Reply

Your email address will not be published.