Strage di Via D’Amelio, troppi buchi neri e il Procuratore capo di Caltanissetta ipotizza nuove indagini anche sull’agenda rossa di Borsellino

Strage di Via D’Amelio, troppi buchi neri e il Procuratore capo di Caltanissetta ipotizza nuove indagini anche sull’agenda rossa di Borsellino
“Ci sono buchi neri nei fatti legati alla strage di via D’Amelio, come la vicenda dell’agenda rossa di Paolo Borsellino, e le indicazioni fornite in aula dal colonnello Arcangioli e il contrasto con altre dichiarazioni pongono la necessità di riaffrontare questo tema. Ci sono le prospettive per una ulteriore attività che dovrà essere svolta e verificata”. Sono queste le parole del procuratore capo di Caltanissetta Amedeo Bertone, che sta svolgendo la sua replica nel quarto processo per la strage di via D’Amelio, in corso davanti alla Corte d’assise di Caltanissetta e che hanno inevitabilmente scosso l’Aula di giustizia e non solo. Bertone ha voluto rispondere così ad alcune critiche mosse nella sua arringa dall’avvocato Fabio Repici, legale di parte civile di Salvatore Borsellino. Nel processo sono imputati per strage Salvo Madonia e Vittorio Tutino e per calunnia i falsi pentiti Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci.
“In questo processo – ha detto ancora Bertone- si è parlato di zoppìa del discorso del pm in relazione all’esame delle fonti di prova, di orticaria nei confronti dell’argomento trattativa e di pensiero malato del pubblico ministero, di amnesie per le vicende del castello Utveggio e in un’aula di giustizia si è parlato di ‘vergogna’ rivolgendosi al pm; addirittura qualcuno ha detto che tutto questo suscita cattivi pensieri. Sono esternazioni che respingiamo al mittente. Tutto questo sembra davvero ingeneroso nei confronti di quest’ufficio che si è dato carico, senza fanfare, di rivedere tutto il materiale probatorio offerto dalle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina”. 
I giudici entreranno in camera di consiglio giovedì mattina alle 9,30. E’ quanto ha stabilito il presidente Antonio Balsamo, al termine dell’udienza svoltasi questo mercoledì, nel corso della quale, l’avvocato Flavio Sinatra, difensore di Salvatore Madonia e Vittorio Tutino, ha chiesto per i due imputati l’assoluzione per non aver commesso il fatto. Il processo riprenderà giovedì alle 10 per le repliche dei Pm. La procura per i due boss ha chiesto l’ergastolo. Alla sbarra, oltre a Madonia e Tutino, entrambi accusati di strage, anche i falsi pentiti Vincenzo Scarantino, Francesco Andriotta e Calogero Pulci, chiamati a rispondere di calunnia per le false dichiarazioni rese all’inizio delle indagini. Per Scarantino sono stati chiesti 8 anni e sei mesi, mentre per Francesco Andriotta e Calogero Pulci, 14 anni di reclusione ciascuno.
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.