Roma brinda al turismo. Nel 2016 registrato un +6,7% di presenze e la Regione Lazio pronta a nuove regole nell’accoglienza extralberghiera

Roma brinda al turismo. Nel 2016 registrato un +6,7% di presenze e la Regione Lazio pronta a nuove regole nell’accoglienza extralberghiera
“14 milioni i turisti sono venuti a Roma e hanno alloggiato negli alberghi nel corso del 2016, un +6,7% sul 2015; a loro si aggiungono, fra i 3 e i 5 milioni, che stimiamo, siano venuti attraverso Airbnb e altre forme di accoglienza”. Lo ha detto l’assessore al Turismo di Roma Capitale, Adriano Meloni nel corso della presentazione della nuova tratta di American Airlines Roma-Dallas, che segue le destinazioni su Philadelphia, Chicago, New York e Charlotte.
 
Nuova tratta di American Airlines da Roma a Dallas
 
La nuova tratta della compagnia è stata presentata nel corso di un incontro con la stampa all’Hotel de Russie. “Nel 2016 sono stati 80mila i passeggeri che hanno fatto, con scalo, la tratta Roma-Dallas, un +5% in più rispetto all’anno precedente – ha detto Fausto Palombelli, chief commercial officer di Aeroporti di Roma (Adr) – Il più importante hub mondiale di American Airlines è Dallas, così i viaggiatori che intraprenderanno la tratta, troveranno connessioni per tutto il Sud America, i Caraibi e il Canada”. “Verso gli Stati Uniti hanno viaggiato dall’Italia circa 2 milioni di passeggeri in tutti i segmenti: lavoro, turismo, ecc.”, ha spiegato il chief di Adr. Adriano Meloni, assessore allo Sviluppo economico, turismo e lavoro della giunta Raggi, presente alla conferenza, ha detto: “A noi interessa che la gente venga a Roma, ma che ci sia un turismo di un certo livello, dunque questa iniziativa è in linea con la nostra vocazione”. L’assessore ha poi annunciato in questo senso l’apertura di nuovi alberghi di lusso: “Perché il turismo romano deve crescere nel modo giusto”. “Sull’abusivismo alberghiero stiamo lavorando con la Regione”, ha concluso l’assessore. Roberto Antonucci, direttore commerciale per il sud est Europa di American Airlines, ha detto a proposito del nuovo volo Roma-Dallas che: “La tratta ha grandi prospettive, e che i primi decolli avranno prezzi molto vantaggiosi”. Ci saranno 4 mila posti a sedere ogni settimana per andare nella città texana e la durata del volo sarà di poco più di 11 ore. Ivonne Brauburger, direttore vendite europa della compagnia aerea, ha poi snocciolato i grandi numeri che fanno di American Airlines, la prima compagnia al mondo, con centinaia di migliaia di voli in tutti i continenti ogni anno. Philippe Jones, ceo di VisitDallas, ha, infine, mostrato con video e foto le attrazione della città.
 
Le nuove regole dell’accoglienza nelle strutture ricettive non alberghiere
 
Ed a proposito di turismo ed accoglienza, cambieranno, nel breve periodo alcune regole dell’accoglienza nel Lazio. A darne notizia è la Regione in una nota: “Nel corso della Commissione Turismo con all’ordine del giorno l’esame del Regolamento Regionale sulle strutture ricettive extralberghiere, su proposta del vicepresidente con delega al Turismo, Massimiliano Smeriglio, attraverso alcuni emendamenti alla legge Regionale 13/2007, è stato introdotto un inasprimento delle sanzioni in caso di mancato rispetto delle normative vigenti”.
 
Smeriglio: “Coniugare libertà d’impresa e rispetto delle regole”
 
“Con queste modifiche – dichiara Smeriglio – proseguiamo sulla strada già intrapresa con il nuovo regolamento extralberghiero: coniugare libertà di impresa e rispetto delle regole. Dobbiamo tutelare chi attraverso il turismo può avere un sostegno al reddito, ma colpendo, anche attraverso l’aumento delle sanzioni, la concorrenza sleale. Inoltre poniamo una grandissima attenzione sul tema della sicurezza, agevolando il lavoro delle autorità competenti”.
Tra le novità principali:
1. fermo restando il rispetto delle competenze statali, i soggetti che offrono alloggio ai turisti dovranno provvedere a darne comunicazione ai Comuni;
2. l’esercizio di una attività ricettiva irregolare sarà soggetto a sanzione da 6.000 a 15.000 euro (precedentemente da 5.000 a 10.000 euro) e all’immediata chiusura dell’attività stessa;
3. l’inosservanza delle disposizioni in materia di classificazione comporterà una sanzione da 1.500 a 7.000 euro (precedentemente da 1.000 a 5.000 euro).
4. la mancata comunicazione ai comuni comporterà la sanzione da 500 a 1.000 euro (nuovo articolo);
5. la mancata esposizione del segno distintivo di classificazione, comporta la sanzione da 1.000 a 4.000 euro (precedentemente da 500 a 2.000 euro);
6. l’attribuzione alla propria struttura ricettiva di un requisito o di una denominazione non corrispondente a quella indicata nella SCIA con ogni mezzo, compreso quello telematico, sarà soggetta a sanzione da 2.000 a 8.000 euro (precedentemente da 1.000 a 5.000 euro);
7. la mancata esposizione da parte delle strutture ricettive dei prezzi praticati comporterà l’applicazione della sanzione da 1.000 a 4.000 euro (precedentemente da 500 a 2.000euro);
8. l’applicazione da parte delle strutture ricettive di prezzi difformi da quelli esposti comporterà la sanzione da 2.000 a 15.000 euro; (precedentemente da 1.000 a 10.000);
9. la dotazione, in modo permanente, nelle strutture ricettive, escluse quelle all’aria aperta, di un numero di posti letto superiore a quello indicato nella SCIA sarà soggetta alla sanzione da 1.000 a 4.000 euro per ogni posto letto in più; (precedentemente da 500 a 2.000 euro)
10. la mancata comunicazione del movimento degli ospiti, comporterà la sanzione da 1.500 a 3.000 euro (precedentemente da 1.000 a 2.000)
11. la reiterazione delle violazioni nei due anni successivi, comporterà la sospensione delle attività il cui esercizio è subordinato alla presentazione della SCIA ai sensi dell’articolo 26 ed il raddoppio delle relative sanzioni pecuniarie.
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.