Primo maggio a Portella della ginestra con Camusso, Furlan e Barbagallo. A Roma, dalle 15, il concertone di Piazza San Giovanni con Cgil, Cisl e Uil

Primo maggio a Portella della ginestra con Camusso, Furlan e Barbagallo. A Roma, dalle 15, il concertone di Piazza San Giovanni con Cgil, Cisl e Uil

La Festa dei lavoratori si celebrerà quest’anno a Portella della Ginestra, in provincia di Palermo. I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, hanno scelto per il prossimo Primo Maggio la località siciliana, in occasione dei 70 anni dallo storico e tragico eccidio.

Alle 8 è previsto il ritrovo dei partecipanti alla Casa del popolo di Piana degli Albanesi e alle 8.30 ci sarà la deposizione di una corona di fiori al cimitero in memoria dei caduti, alla presenza delle autorità civili e religiose. Alle 9.30 partirà il corteo, che sfilerà nelle strade della cittadina per arrivare davanti alla Casa del partigiano. A seguire, ci si sposterà con un servizio di navette da Piana degli Albanesi a Portella della Ginestra, dove alle 11 partirà il corteo che porterà i manifestanti al Sasso di Barbato. Qui sono previsti gli interventi di delegate e delegati e dalle 12.10 quelli dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, che saranno trasmessi in diretta da Rai 3. La chiusura della manifestazione è prevista per le 13.15.

Il concertone del Primo Maggio in piazza San Giovanni a Roma, a partire dalle ore 15

Nove intense ore di musica, torna anche quest’anno il Concerto del Primo Maggio, il più importante appuntamento con la musica che dal 1990 anima piazza San Giovanni in Laterano, Roma, durante la festa dei lavoratori. Promosso da Cgil, Cisl e Uil verrà trasmesso da Rai3 in diretta dalle 15 a mezzanotte. L’evento è organizzato da iCompany e Ruvido Produzioni.

Tra i presenti alla conferenza stampa di presentazione in Via Asiago, il direttore di Rai 3 Daria Bignardi, i conduttori Clementino e Camila Raznovich, il direttore di Radio 2 Paola Marchesini, gli organizzatori Carlo Cavaudan e Massimo Bonelli e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Nino Baseotto, Giovanna Ventura e Pierpaolo Bombardieri. Il direttore Daria Bignardi ha dichiarato che: “Dal 1999 Rai3 è la rete del concertone, è un appuntamento che parla alle persone delle persone. Quest’anno il cast e le canzoni sono più vicine ai racconti, penso a Brunori Sas o lo Stato Sociale. Sarà presente anche Gad Lerner che interverrà parlando di lavoro, nel suo viaggio tra Italia ed Europa”. Anche quest’anno Rai Radio2 sarà la voce ufficiale del Primo Maggio. “Per noi la festa e il racconto guideranno la programmazione del concertone”, ricorda il direttore Marchesini.

Tra le novità musicali, come ricordato dagli organizzatori Bonelli e Cavaudan, “ci sarà Rocco Hunt con il suo pezzo esclusivo ‘Che vuò?'”. Alla sua seconda conduzione Camilla Raznovich: “Per me è una grande ritorno. È un palco difficile che richiede rispetto e umiltà”. Dal canto suo, alla sua prima volta da conduttore Clementino ha affermato: “Ho iniziato da animatore nei villaggi turistici, non avrei mai pensato di arrivare a condurre il concertone”. I tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil hanno voluto ricordare che “quest’anno ci sarà un ponte magico tra il concertone e Portella della ginestra al suo 70esimo anniversario dalla strage dei lavoratori e sindacalisti coraggiosi. Sarà l’occasione per riflettere sui temi del lavoro, del lavoro dignitoso”.

Le ripercussioni sulla mobilità a Roma

Ma la manifestazione avrà anche delle ripercussioni sulla mobilità a Roma. Ecco il punto su quanto accadrà lunedì: “Il primo maggio appuntamento con il tradizionale ‘concertone’ in piazza San Giovanni. Un appuntamento che come al solito richiamerà in piazza centinaia di migliaia di persone, molte della quali da fuori città. Prevista la chiusura al traffico della zona compresa tra viale Carlo Felice, piazza di Porta San Giovanni e via Emanuele Filiberto (nel tratto tra Porta San Giovanni e via Statilia). Previsto un cambio di percorso per 16 linee: 3, 16, 51, 81, 85, 87, 218, 360, 590, 665, 673, 792, N1, N10, N11 e N28. Il capolinea di Porta San Giovanni sarà temporaneamente sospeso: la 792 sposterà la fermata di capolinea su via della Ferratella in Laterano; la 665 limiterà il percorso a via Magna Grecia; la 218, in arrivo da Padre Formato, seguirà il normale itinerario sino a via Faleria, per poi proseguire su via Appia Nuova, piazza Re di Roma, via Cerveteri, via Soana e via Gallia. Da qui il percorso sarà quello abituale”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.