‘Ndrangheta, blitz dei Carabinieri in Calabria. Preso Santo Vottari uno dei 64 ricercati più pericolosi in Europa

‘Ndrangheta, blitz dei Carabinieri in Calabria. Preso Santo Vottari uno dei 64 ricercati più pericolosi in Europa
I carabinieri hanno scoperto e arrestato all’alba all’interno di un bunker Santo Vottari, capo clan e uomo di primo livello della criminalità organizzata calabrese. Il super ricercato era all’interno di un bunker, realizzato all’interno di un altro bunker in un edificio dove abitava, si trovava in contrada Ricciolio a Benestare. Nello stesso edificio i carabinieri avevano già trovato quattro bunker. All’interno di uno di questi, posto in un appartamento all’ultimo piano, i militari hanno individuato una botola dalla quale si accedeva ad un rifugio di dimensioni ridottissime, realizzato, probabilmente, per nascondersi solo poche ore. Vottari, come la gran parte dei più influenti capi della ‘Ndrangheta, ha preferito restare nel suo territorio a governare direttamente gli affari, che farlo da fuori, in Italia o all’estero.
 
Santo Vottari, che non ha opposto resistenza all’arresto, è considerato uno dei 64 latitanti più pericolosi d’Europa.
 
Il 44enne è un elemento di spicco della cosca omonima di ‘ndrangheta, che si è sottratto alla cattura a seguito della faida di San Luca che vide contrapposte le famiglie Pelle-Vottari e Nirta Strangio e che culminò con la “strage di Duisburg”, avvenuta il 15 agosto del 2007. Proprio dal 2007 era ricercato dagli inquirenti.
È ritenuto dagli inquirenti tra i responsabili dell’omicidio di Maria Strangio, moglie di Giovanni Nirta, avvenuto a San Luca il giorno di Natale del 2006, anche se per questo reato non è stato condannato, nonché del tentativo di omicidio di alcuni esponenti di cosche ostili. Deve scontare una pena per associazione di stampo mafioso nell’ambito del processo Fehida.
Era inserito nella “speciale” lista di ricercati pubblicata dall’Europol, l’agenzia europea di polizia che ricerca in questo modo i latitanti, come detto, più ricercati d’Europa.
Share

Leave a Reply