Poste: Slc Cgil, su privatizzazione governo ritiri decreto

Poste: Slc Cgil, su privatizzazione governo ritiri decreto

Il Governo ritiri il decreto della presidenza del Consiglio che dava avvio alla seconda tranche di privatizzazione di Poste. Lo afferma in una nota il segretario generale Slc Cgil, Massimo Cestaro, chiedendo “all’azionista ed all’Amministratore Delegato del Gruppo che si diano gambe ai propositi enunciati di rafforzamento degli asset del Gruppo, in primis a quello logistico, in coerenza anche con gli enunciati del piano industriale”.

“Le dichiarazioni di stamani rese dal sottosegretario allo Sviluppo Economico, Giacomelli, ci fanno dire che avevamo ragione” aggiunge Cestaro sottolineando che è “prevalsa l’idea che non vi sia una necessità di operazioni di questo tipo e che Poste ha ulteriori potenzialità espansive”. Slc e Cgil ribadiscono la necessità di un “riconoscimento di Poste Italiane come un asset strategico per il Paese, necessario per lo sviluppo dell’economia italiana, necessitante di investimenti e, soprattutto, di controllo pubblico”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.