Comitati del No. Al via la mobilitazione porta a porta per spiegare le ragioni di un voto che non è contro il governo ma contro una riforma sbagliata nel merito e nel metodo

Comitati del No. Al via la mobilitazione porta a porta per spiegare le ragioni di un voto che non è contro il governo ma contro una riforma sbagliata nel merito e nel metodo

Domenica a Roma si è svolta l’assemblea nazionale del Comitato per il No, convocata per discutere le linee politico-organizzative della campagna elettorale. Oltre ai componenti del direttivo del Comitato nazionale, a partire dal presidente Alessandro Pace, erano presenti referenti e militanti dei comitati locali, giunti da tutta Italia, che si sono alternati sul palco per raccontare le esperienze sul territorio, confrontarsi sui problemi, avanzare proposte.

La sintesi della giornata è il documento conclusivo, nel quale si mette in evidenza, tra l’altro che «il No è cresciuto fino a rendere contendibile il risultato referendario, ma c’è ancora molto da fare per vincere e bloccare la pessima modifica della Costituzione che  questo governo ha fortemente voluto e fatto approvare da un parlamento succube e sulla cui legittimità ci sono seri dubbi, visto che è stato eletto con una legge dichiarata incostituzionale».

«La nostra mobilitazione referendaria ha contribuito ad una reazione all’antipolitica, all’allontanamento dalla partecipazione, all’astensione diffusa che è cresciuta in questi anni.

Lottare per il No, contro la legge Renzi-Boschi, rappresenta una scelta che vuole ridare ruolo e protagonismo alle elettrici e agli elettori, chiedendo loro di scegliere e quindi di ritornare protagonisti.

All’inizio il governo ha tentato di dare al referendum una piega plebiscitaria, ora ha ridimensionato – sia pure a giorni alterni –  questo atteggiamento ammettendo di fatto che si vota sulle modifiche della Costituzione e non  sulla durata del governo stesso.

Per noi dall’inizio (dall’11 gennaio 2016) il problema è sempre stato il merito delle modifiche costituzionali, su cui diamo un giudizio radicalmente negativo, chiedendo di votare NO.

Nei mesi che ci separano dal voto dobbiamo sviluppare un’azione capillare insieme a tutti i soggetti che sono per il NO per raggiungere il maggior numero possibile di elettrici e di elettori. Anzitutto il porta a porta, il contatto personale con la diffusione di materiale, le discussioni per illustrare la sostanza delle nostre critiche.

Ora – prosegue il documento – in appoggio al governo stanno scendendo in campo gruppi di potere economici e finanziari nazionali e internazionali, lanciando minacce tutt’altro che larvate al nostro paese. Le elettrici e gli elettori hanno nelle loro mani scelte decisive e possono respingere questi ricatti». Infatti, «E’ il governo ad avere scelto di imporre queste modifiche della Costituzione e a noi non è rimasta altra strada che votare No nel referendum costituzionale. Se vincerà il NO sarà possibile fare gli aggiustamenti necessari senza scivolare verso un premierato forte per effetto combinato delle modifiche della Costituzione e dell’Italicum», che avrà  «effetti profondi sui principi fondamentali della prima parte della Costituzione. La Costituzione ha già oggi molti aspetti inattuati, così si rischia di completare un disegno di svuotamento, del resto suggerito dalle banche di affari internazionali. A questo riguardo esprimiamo grande preoccupazione per l’omicidio di un lavoratore in sciopero a Piacenza, che conferma la caduta dei diritti e della tutela di chi lavora, a cui sono seguite due morti sul lavoro nel giro di poche ore.

Da questo incontro nazionale viene un invito forte a fare tesoro del pluralismo delle posizioni e della capacità di lavoro comune che abbiamo sperimentato dall’11 gennaio 2016 ad oggi. Siamo cresciuti di numero (oltre 500 comitati territoriali) e di apporti e possiamo dare un contributo importante alla campagna elettorale per fare vincere il No».

Adesso, «occorre moltiplicare nei prossimi giorni le iniziative nei grandi come nei piccoli centri, in particolare il 29 e 30 ottobre chiediamo alle realtà regionali e a quelle territoriali di dare vita a due giorni di manifestazioni volte a collegare tutte le energie disponibili. Fin da ora fissiamo per il giovedi e il venerdi prima del voto una iniziativa diffusa e capillare in tutti i territori.

Il governo – conclude il documento – ci propone un cambiamento che in realtà è un arretramento delle condizioni di vita delle persone e delle loro possibilità di partecipazione, meglio allora dire un secco No per respingere questa deformazione della Costituzione».

Share

Leave a Reply