Terrorismo, misure stringenti per Roma Capitale. Rimodulato il Piano Sicurezza

Terrorismo, misure stringenti per Roma Capitale. Rimodulato il Piano Sicurezza

Varata dal Questore di Roma Nicolò D’Angelo una nuova ordinanza che ha riadattato i sistemi di prevenzione e sicurezza della Capitale. L’area del Colosseo è stata sottoposta a un regime di massima sicurezza con varchi controllati da contingenti delle forze dell’ordine il cui operato è reso ottimale dalla pedonalizzazione totale in atto in questo periodo.
Via del Corso è stata suddivisa in tre sottosettori (Venezia – Chigi/ Chigi – Goldoni/ Goldoni –Piazza del Popolo), ciascuno dei quali è controllato da pattuglie delle forze dell’ordine e militari dell’esercito che stazionano in forma fissa in largo Goldoni con visibilità e capacità d’intervento a 360 gradi. L’area di massima sicurezza di San Pietro è stata estesa anche ai Bastioni di Michelangelo interessati ad un massiccio afflusso ai Musei Vaticani. Estesa la vigilanza anche ad altri obiettivi religiosi in varie zone, anche periferiche della Capitale, mentre sono in atto contatti con i direttori dei maggiori centri commerciali per individuare, durante sopralluoghi notturni, modalità operative di collaborazione e gestione di possibili scenari di crisi.

Share

Leave a Reply