Giovane del clan Casamonica muore carbonizzato mentre tenta di incendiare una villa a Ciampino

Giovane del clan Casamonica muore carbonizzato mentre tenta di incendiare una villa a Ciampino

Potrebbe essere morto mentre cercava di dar fuoco all’edificio l’uomo trovato carbonizzato in seguito all’esplosione di una villa a Ciampino, vicino a Roma. E’ una delle ipotesi al vaglio degli investigatori, i carabinieri di Frascati e di Castel Gandolfo. Ancora in corso l’identificazione del cadavere della vittima, dovrebbe trattarsi di un 26enne appartenente alla famiglia Casamonica. Anche il proprietario appartiene alla famiglia Casamonica. L’esplosione è avvenuta a Ciampino in via Capri. A dare l’allarme il proprietario dell’abitazione, anche lui un componente del noto clan. Sul posto quattro squadre dei Vigili del fuoco. L’uomo, secondo una prima ricostruzione, potrebbe essere morto proprio mentre stata appiccando le fiamme all’immobile, questa la pista privilegiata dai carabinieri di Frascati e Castel Gandolfo. Secondo una prima ricostruzione, infatti, il giovane rimasto ucciso e appartenente alla famiglia Casamonica, sarebbe il responsabile del rogo. Al vaglio anche le immagini di video sorveglianza che potrebbero aiutare gli inquirenti a fare chiarezza sulla dinamica. Il motivo del gesto, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe legato a motivi passionali, dissidi che avrebbero scatenato la reazione della vittima. I Carabinieri, comunque, non escludono altre piste.

Share

Leave a Reply