Campidoglio. Al voto della Giunta il nuovo direttore generale ad interim di Ama. Viene da Voghera. Raggi presiederà la riunione

Campidoglio. Al voto della Giunta il nuovo direttore generale ad interim di Ama. Viene da Voghera. Raggi  presiederà la riunione

Si chiama Stefano Bina Il nuovo direttore ad interim dell’Ama che resterà in carica solo per tre mesi. Poi il bando pubblico per il concorso. Salvo imprevisti, che non dovrebbero esserci, verrà nominato dalla Giunta che si riunisce nel pomeriggio di oggi giovedì. A presiedere la riunione straordinaria sarà la sindaca Raggi che in un primo momento aveva annunciato di lasciare l’incarico al vicesindaco,Daniele Frongia, avendo preso qualche giorno di pausa ed essendo stato risolto il problema del nuovo direttore. La presenza del numero legale è già stata assicurata. La nomina del direttore arriva a ridosso di sabato, data in cui Ama ha assicurato la pulizia della città. già avviata nei giorni passati.

Ad affiancare l’amministratore unico da poco nominato, Alessandro Solidoro, milanese, un altro  dirigente che proviene dalla Lombardia. Stefano Bina dal  2011 direttore generale della Municipalizzata di Voghera, provincia di Pavia. Ha 53 anni, è nato a Voghera, ed è ingegnere. Per lui tre mesi intensi di lavoro. Poi il concorso cui dovrebbe partecipare. Voghera è un comune di 40 mila abitanti, Bina in pochi giorni dovrà farsi una idea di cosa rappresenta l’Ama, dei suoi problemi. Come si è arrivati a questa scelta?  L’amministratore unico di  Ama, Alessandro Solidoro è stato proposto da Marcello Minenna, l’assessore che proviene da Milano come dirigente Consob. Salidoro è presidente dell’Ordine dei commercialisti di Milano. Se due più due fa quattro, c’è la mano di Minenna che vuole assicurare all’Ama una dirigenza coesa.

All’ordine del giorno della Giunta straordinaria  non dovrebbero figurare altri punti. Sotto tiro, però, torna Atac. I lavori di manutenzione per i quali il Comune aveva reperito i fondi necessari saranno avviati solo a settembre. I soldi sono arrivati all’azienda, causa operazioni bancarie, con 24 ore di ritardo. E in queste 24 ore l’azienda incaricata ha assunto altre commesse. La Giunta dovrà farsi carico del problema. Invece, sempre per quanto riguarda incarichi interni ed   esterni le acque continuano ad essere agitate. Intanto alcuni compensi dovranno essere rivisti, forse proprio in questa riunione. Altri problemi vengono da alcune scelte che riguardano  dirigenti apicali. C’è un ritorno di alemannianni, altre nomine stanno suscitando malumori e polemiche, anche nel gruppo dei  pentastellati.

.

Share

Leave a Reply