Nibali in rosa verso Torino. La più bella e sofferta vittoria. Nessuno ha resistito al suo passo. Onori per Chaves e Kruijswijk

Nibali in rosa verso Torino. La più bella e sofferta vittoria. Nessuno ha resistito al suo passo. Onori per Chaves e Kruijswijk

Il Giro è suo. Di Vincenzo Nibali che ha compiuto una straordinaria impresa. In due tappe è tornato ad  essere lo “squalo”, quando veniva dato per spacciato, a rischio addirittura di fare le valigie e abbandonare il Giro. La cronaca della penultima tappa, l’arrivo a Sant’Anna di Vinadio, preludio alla  passeggiata finale verso Torino, è  piena di colpi di scena. Ad ogni colpo uno degli avversari di Nibali viene eliminato, si stacca lentamente, perde le ruote. La maglia rosa, il colombiano Chaves, non perde la ruota di Nibali. Lo segue come un’ombra mentre il solito Scarponi prende la guida del gruppetto con tutti i migliori. Addirittura il direttore della Astana ha mandato in fuga un gregario. È il segnale che Nibali sta preparando l’attacco finale. E così è Scarponi a tirare come un forsennato. Uno ad uno tutti coloro che hanno ancora interesse alla classifica perdono le ruote. Con lo “squalo” restano Chaves, Valverde, Uran e pochi altri. Quando mancano due chilometri al Colle della Lombardia, Nibali scatta, la maglia rosa sembra resistere, gli danno una mano tutti gli avversari del campione d’Italia. Niente da fare, si butta in discesa, un tratto di strada da far paura fra la neve che sembra ancora fresca e il verde, il freddo e il caldo insieme. Ancora una salita, quella finale. Un pubblico che lo  applaude. Pericoloso, alcuni si avvicinano troppo. Nibali non li vede neppure. Deve recuperare 44 secondi. Metro per metro gli comunicano il vantaggio. Chaves cede, si avvicina Valverde. Nel gruppetto c’è anche Scarponi, un vincitore bis. Il primo abbraccio per  Nibali e dei genitori di Chaves, il giovane colombiano sconfitto. La tappa la vince Taaramoe, un messicano che ci aveva provato più volte .C’è gloria per tutti, anche per il giovane olandese Kruijswijk, caduto in discesa con perdita di maglia rosa. Tutti si congratulano con Nibali. Questo è il ciclismo, per questo ci sono decine di migliaia di spettatori che attendono di veder passare i “girini”. Un minuto e via. Domani per Nibali sarà una passerella, la sua vittoria più bella perché la più sofferta.

GIRO D’ITALIA
Classifica Generale

1 – VINCENZO NIBALI (ITA-ASTANA)
2 – Esteban Chaves (COL-Orica GreenEDGE) a 52”
3 – Alejandro Valverde (ESP-Movistar) a 1’17”

GIRO D’ITALIA

20/a tappa – Guillestre-Sant’Anna di Vinadio
1 – Rein Taaramae (EST-Katusha)
2 – Darwin Atapuma (COL-BMC) a 52”
3 – Joe Dombrowski (USA-Cannondale) a 1’17”
4 – Mikel Nieve (ESP-Sky) a 4’12”
5 – Alexander Foliforov (RUS-Gazprom-Rusvelo) a 4’36”
6 – Vincenzo Nibali (ITA-Astana) a 6’44”
7 – Alejandro Valverde (ESP-Movistar) a 6’57”
8 – Rigoberto Uran (COL-Cannondale) a 6’57”
9 – Giovanni Visconti (ITA-Movistar) a 7’47”
10 – Rafal Majka (POL-Tinkoff) a 8’06”
[…]
14 – Esteban Chaves (COL-Orica GreenEDGE) a 8’20”

Share

Leave a Reply