Almaviva. Dopo 17 ore di trattative al MISE, il sindacato strappa l’accordo che salva 3000 lavoratori

Almaviva. Dopo 17 ore di trattative al MISE, il sindacato strappa l’accordo che salva 3000 lavoratori
L’intesa prevede un nuovo contratto di solidarietà di 6 mesi, ammortizzatori sociali per 18 mesi con riduzione progressiva e una verifica mensile in sede istituzionale. La Cgil su twitter: “Un risultato importante dopo mesi di manifestazioni e incontri”.

Accordo all’alba di stamani, 31 maggio, dopo 17 ore di trattativa, sulla vertenza Almaviva al ministero dello Sviluppo Economico. Lo annuncia in un tweet il viceministro dello Sviluppo economico Teresa Bellanova che scrive: “lo avevo detto dalla prima trattativa che non avremmo lasciato sole 3000 persone. Salvi i posti di lavoro. Accordo siglato”.

Stop ai licenziamenti, ammortizzatori sociali per 18 mesi con riduzione progressiva della solidarietà. Verifica mensile della situazione produttiva ed occupazionale dell’azienda in sede istituzionale. Sono questi i punti principali dell’accordo secondo quanto riporta una nota di Almaviva Contact che sottolinea “l’impegno decisivo del Governo per l’intesa”. “Una sfida condivisa con Governo e sindacati per riportare lavoro e produttività nelle sedi di Roma, Napoli e Palermo”, scrive ancora l’azienda.

Un risultato frutto anche della mobilitazione e dell’impegno dei sindacati, come sottolinea la Cgil in un tweet: “Mesi duri di manifestazioni, incontri, proteste. Un risultato importante per dire che insieme si può!”.

da rassegna.it

Share

Leave a Reply