L’8 marzo la cultura si tinge di rosa, Franceschini: “Musei gratis per le donne”. Le altre iniziative italiane passate e future

L’8 marzo la cultura si tinge di rosa, Franceschini: “Musei gratis per le donne”. Le altre iniziative italiane passate e future

“Da quest’anno i musei statali saranno gratuiti per le donne ogni 8 marzo”, così si legge nella nota diffusa del ministro Franceschini. È dunque questa l’iniziativa dedicata al gentil sesso nella Giornata internazionale della donna, indetta dal ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del turismo. Il ministro Franceschini ha invitato i direttori dei musei e di tutte le strutture statali, comprese aree archeologiche e monumenti statali, ad organizzare eventi, rassegne e manifestazioni a tema per creare occasioni di aggregazione culturale, sottolineando il rilievo di questa giornata dedicata ai diritti delle donne.
L’elenco delle iniziative verrà pubblicato sul sito dei Beni Culturali.

Non solo a Roma, in tutta Italia si sono moltiplicati eventi gratuiti, e non, ed iniziative coinvolgenti volte a dedicare e a regalare alla donna un momento da protagonista.

A Milano e dintorni, già dal 7 marzo è stato presentato il programma ricco di appuntamenti per i giorni che precedono e che seguono la Giornata della donna, iniziando con uno spettacolo benefico al Teatro Manzoni di Sesto San Giovanni, a seguire con l’esposizione a Palazzo Marino di un totem con un’immagine storica del fotoreporter Federico Patellani del primo voto delle donne italiane nel referendum Monarchia-Repubblica del 2 giugno 1946, la presentazione del libro ‘Donne Ghisa 1976 – 2016’. E ancora tanti altri appuntamenti.

A Firenze, il 5 marzo è stato presentato a Palazzo Vecchio il programma che prevede un’intensa carrellata di eventi tutti al femminile per tutto il mese di marzo con concerti, momenti di riflessione e appuntamenti ricchi di patos ed emozione.

A Torino, in programma diversi spettacoli in scena: “Gli occhi di Leonida” al Teatro Agnelli; “Viva la vida!” all’Auditorium Arpino; il reading teatrale “Mimosa rosso sangue”.
Organizzato anche dal MoMoWo un Open day, finanziato dall’Unione Europea, dedicato agli studi delle professioniste (architetto, ingegnere, designer) e alle difficoltà che le donne incontrano nelle libere professioni.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.