Un G20 alle prese con una crisi di nervi!

Un G20 alle prese con una crisi di nervi!

Mi fanno un po’ di tenerezza i 20 ministri dell’economia o delle finanze dei venti paesi più industrializzati del pianeta costretti per due giorni a stare in quel di Shanghai, ognuno con i suoi dossier e con le sue preoccupazioni più o meno legate alle tre questioni che caratterizzano la nuova fase della tempesta perfetta: la Cina con la sa gigantesca bolla creditizia e il suo rallentamento dell’economia; la bolla già scoppiata del petrolio e delle altre materie prime energetiche e, the last but not the least, l’emergenza delle banche che non sono ancora riuscite a smaltire l’altissima montagna dei derivati più o meno tossici.

Ricordo con una certa nostalgia i vertici in seduta pressoché perenne del biennio 2008-2009, con i capi di Stato e di Governo giù ad imprecare sulle diavolerie escogitate dagli apprendisti stregoni delle allora Investment banks e delle banche più o meno globali disseminate in tutto il mondo, così come ricordo con simpatia la fatica di Sisifo caduta sulle spalle dell’allora Governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, un uomo con un passato al Ministero del Tesoro, allora si chiamava così, ed ex capo per l’Europa della potente ma ancor più preveggente Goldman Sachs.

Con il rispetto dovuto ad ognuno di loro, devo tuttavia dire che non avrebbero cavato un ragno dal buco se non fossero entrate in partita le banche centrali, Federal Reserve in testa, per inondare letteralmente i mercati di liquidità e dare tempo alle banche di cercare di smaltire l’enorme mole di titoli tossici in loro possesso, discorso che vale quasi esclusivamente per le banche che hanno avuto accesso alle capaci discariche allestite presso le varie sedi della banca centrale americana.

Il problema è che quei bravi ragazzi delle fabbriche prodotto non hanno smesso di fare il loro ben remunerato mestiere e hanno continuato a sfornare titoli sempre più complessi e rischiosi e, questa volta, il primato non va alle ex Investment Banks statunitensi o alle banche globali a stesse e strisce alquanto scottate da quanto era accaduto con la prima fase della tempesta perfetta, ma bensì alle banche Globali poste al di qua e al di là della Manica, banche talmente potenti da far risultare nelle apposite normative europee i non performing loans, meglio conosciute come sofferenze, più pericolose della montagna di derivati e titoli tossici più o meno tossici che hanno nelle loro molto capaci pance.

Se non c’è una soluzione gestibile per questo problema, aggravato dalla declinazione cinese di cui ho parlato in precedenti articoli, figuriamoci cosa potranno fare contro la crisi delle esportazioni, segnatamente quelle cinesi ma anche quelle europee non ci scherzano, o sul fronte bollente del petrolio dove è evidente la difficoltà di trovare un’intesa con l’Iran che pretende giustamente di tornare ai livelli pre sanzioni e altri paesi che sono costretti a produrre il più possibile accontentandosi dei risicati margini di guadagno tutt’ora esistenti.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.