Saldi blindati nella capitale, moderato ottimismo di Confcommercio ed a Milano preso d’assalto il ‘quadrilatero’ delle grandi griffe

Saldi blindati nella capitale, moderato ottimismo di Confcommercio ed a Milano preso d’assalto il ‘quadrilatero’ delle grandi griffe

Saldi blindati nella Capitale. Il debutto, alla vigilia dell’Epifania, si è consumato tra imponenti ma discrete misure di sicurezza. Tutti i grandi centri commerciali, tra la sorpresa delle migliaia di visitatori, erano guardati a vista da Polizia, Carabinieri e militari dell’Esercito. Perplessità tra i commercianti, che hanno criticato la decisione presa dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza di Roma e provincia. Secondo gli operatori, l’innalzamento delle misure di sicurezza, anche se necessarie, porterebbe alla rinuncia di molti cittadini. C’è invece ottimismo in Confcommercio. Il Presidente della Confederazione capitolina parla di “romani che preferiscono risparmiare piuttosto che spendere. Ma con gli sconti di gennaio speriamo di andare in pari. Le previsioni sono ottimistiche. Con i saldi speriamo di andare in pari con lo scorso anno, quando abbiamo registrato un più 4,9%. Ci auguriamo di fare lo stesso”.

Al via i saldi invernali anche in Lombardia, anche per chi ha rinunciato all’acquisto natalizio rimandando la spesa in attesa dell’articolo scontato. Martedì  mattina soprattutto giovani davanti alle vetrine del centro ad attendere l’apertura dei negozi e qualche coda davanti alle boutique del “Quadrilatero”. Per gli sconti, secondo le stime della Camera di Commercio di Monza e Brianza, aumenta il budget dedicato dai lombardi, che passa dai 137 euro dello scorso anno a 175 euro, vale a dire quasi 40 euro in più. In base all’indagine “Le famiglie e le festività natalizie. Monza e Brianza e Lombardia. Dicembre 2015”, realizzata dalla Camera di commercio di Monza e Brianza in collaborazione con DigiCamere, spenderanno di più i giovani con un budget di 207 euro destinati ai saldi, di meno gli over 65 (120 euro). Il 48% delle famiglie lombarde approfitterà delle occasioni: un dato che sale al 54% per quelle con un reddito medio e scende al 35% per quelle a basso reddito. Rispetto allo scorso anno aumenta leggermente la percentuale di coloro che faranno acquisti durante i saldi: a gennaio 2015 era il 46%. E l’11% delle famiglie lombarde hanno già acquistato prima dei saldi. Rincorsa all’affare soprattutto a Varese dove si spende di più: 194 euro il budget ad acquirente, 185 a Bergamo e 182 a Milano. Le donne acquistano di più (la metà comprerà durante i saldi), gli uomini di meno (il 57% rinuncia allo shopping scontato) ma spendono più delle donne: il loro budget è stimato in 204 euro, contro quello femminile di 165 euro ad acquirente.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.