Caso Cucchi. Da Facebook l’ennesima denuncia della sorella Ilaria. Veleni e minacce in rete

Caso Cucchi. Da Facebook l’ennesima denuncia della sorella Ilaria. Veleni e minacce in rete
“Volevo farmi del male, volevo vedere le facce di coloro che si sono vantati di aver pestato mio fratello, coloro che si sono divertiti a farlo. Le facce di coloro che lo hanno ucciso”. Questa è la denuncia, l’ennesima di Ilaria Cucchi su Facebook. La sorella del giovane di 31 anni arrestato nella notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009 per droga e morto una settimana dopo all’ospedale Pertini di Roma, ha rotto ogni indugio ed ha deciso di pubblicare la foto di uno dei presunti aggressori di suo fratello, un giovane carabiniere indagato per la morte di Stefano. La foto ha fatto il giro della rete ed ha provocato decine di reazioni contrastanti tra loro. C’è chi ha voluto condividere con Ilaria la scelta di dare un volto ad uno dei presunti colpevoli per il ferimento di suo fratello, ed altri che invece hanno attaccato duramente la giovane donna, con una lunga serie di insulti.
 
Foto ed insulti in rete finiranno nelle aule di tribunale. Tolta dal profilo Facebook la foto del militare
 
Tutto finirà comunque, nelle aule di tribunale, visto che sia gli avvocati di Ilaria, che quelli del carabiniere, hanno deciso di procedere per le vie legali. Ilaria, comunque, non s’arrende e commenta il fatto che l’immagine del militare sia scomparsa dalla pagina Facebook: “Ora questa foto è stata tolta dalla pagina. Si vergogna? Fa bene aggiunge la donna nello stesso post”. Poco dopo aver inviato la foto incriminata, per rispondere ai numerosi commenti degli utenti di Facebook (alcuni anche molto aggressivi sia nei suoi confronti sia verso il carabiniere che, nella foto, è in costume vicino agli scogli), Ilaria Cucchi aveva scritto: “Non tollero la violenza, sotto qualunque forma. Ho pubblicato questa foto solo per far capire la fisicità e la mentalità di chi gli ha fatto del male ma se volete bene a Stefano vi prego di non usare gli stessi toni che sono stati usati per lui. Noi crediamo nella giustizia e non rispondiamo alla violenza con la violenza. Grazie a tutti”.
 
L’avvocato del militare, insieme al suo assistito, hanno deciso di denunciare per diffamazione Ilaria Cucchi
 
 Ma le parole di Ilaria non hanno assolutamente intenerito l’avvocato del militare che, in accordo con il suo cliente ha pensato bene di passare alle carte bollate: “Il mio assistito dopo il post su Facebook di Ilaria Cucchi è stato sommerso da minacce di morte rivolte a lui e ai suoi familiari. Per questo, oltre a denunciare Ilaria Cucchi per diffamazione, denunceremo anche gli autori di queste minacce”. Ad annunciarlo è Elio Pini, l’avvocato di Francesco Tedesco, il carabiniere indagato nell’inchiesta bis sulla morte di Stefano Cucchi.
Lucia Uva come Ilaria: “Vogliamo solo la verità”
E chi segue la decisione di Ilaria Cucchi è Lucia Uva sorella di Giuseppe , l’uomo morto il 14 giugno del 2008 all’ospedale di Circolo di Varese dopo essere stato fermato ubriaco per strada e portato in caserma. Lucia Uva ha deciso di pubblicare sul suo profilo Facebook la foto di uno degli uomini delle forze dell’ordine coinvolti nell’inchiesta sulla morte del fratello. Chiara la posizione di Lucia Uva: “Noi vittime dello Stato vogliamo solo la verità e non ci fermeremo fin quando i colpevoli non verranno tutti fuori”.
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.