Calciomercato impazza, ma non ci sono soldi. Scambi e prestiti. Lavezzi il più richiesto, se lo giocano Inter e Juve

Calciomercato impazza, ma non ci sono soldi. Scambi e prestiti. Lavezzi il più richiesto, se lo giocano Inter e Juve

Calciomercato impazza. Ogni giorno una notizia di un prestito, un acquisto, poi smentita, non circolano soldi, tante proposte di scambi. Segno di una crisi del calcio italiano resa sempre più evidente dal vuoto degli stadi. Le squadre minori, piccole, quelle che Lotito non voleva in serie A, cercano di rafforzarsi con le vecchie glorie, gli over trentacinque e anche verso i quaranta, che si danno da fare, segnano, corrono, non fanno capricci. Guardate Di Natale, Toni, Cassano che sembra un ragazzino, corre e corre, porta il pallone quasi fino all’area di porta e lo consegna al giocatore più vicino. Così la Sampdoria racimola punti. Gilardino invece fa panchina ma quando entra segna un gol alla Fiorentina.

Torniamo al “mercato”. Trattative tante ma un solo nome di grande rilievo, Lavezzi, lo vogliono in particolare Inter e Juve. Ma i soldi non ci sono, la moneta non gira.  Sia i nerazzurri che i bianconeri puntano allo scudetto ma ad ambedue manca qualcosa, uno come Lavezzi appunto. Si tratta, scambi, prestiti con obbligo però di acquisto. Poi ci sono Fiorentina e Napoli, due squadre “corte” rispetto alle concorrenti. Hanno bisogno di almeno un difensore di valore e un centrocampista. Per vincere lo scudetto, ormai, ci vogliono due  prime squadre. Pensiamo all’Inter con Mancini che ogni partita cambia tre o quattro pezzi, con giocatori come Palacio che fanno panchina. Ci sono poi i giocatori misteriosi, primo fra tutti Balotelli, fermo da molto tempo per malattia. Ma anche se stava bene pare non interessi più a nessuno. Altro giocatore che non si sa dove sia finito, non lo sa neppure lui, El Shaarawy.

Dando una occhiata al panorama cessioni e acquisti ancora non è stato combinato alcun affare. La squadra che più si muove sul mercato è il Genoa che ora si trova in zona retrocessione e punta gli occhi su ben dieci giocatori, fra i quali anche Ranocchia, per il quale però sta trattando anche il Bologna, che guarda con interesse anche a Gabbiadini. Molte squadre si rivolgono al mercato sudamericano, richiesto in particolare Calleri del Boca. Poi c’è qualche giovane che gioca in Francia, Inghilterra, che interessa diverse squadre e anche Conte che  ha difficoltà  a formare la rosa della nazionale proprio perché i giovani emigrati all’estero giocano molto poco, fanno panchina. Sarebbero utili in Italia ma non sono né valorizzati né richiesti.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.