Fermato un migrante ivoriano di 18 anni per il brutale omicidio di due coniugi nel catanese

Fermato un migrante ivoriano di 18 anni per il brutale omicidio di due coniugi nel catanese

Un migrante ivoriano è stato fermato nel catanese, perché sospettato dell’omicidio dei due coniugi di Palagonia. La coppia, tornata dieci anni fa dalla Germania, dopo una vita di lavoro all’estero, era stata trovata orribilmente massacrata, lui con la gola tagliata e lei gettata da una finestra dopo essere stata picchiata a sangue. Il diciottenne è stato trovato in possesso di un cellulare trafugato dall’abitazione delle vittime e con indosso abiti rubati nella casa del massacro, probabilmente di Vincenzo Solano, l’uomo morto dissanguato. Sembra chiaro che il movente del duplice delitto sia da ricondurre ad una rapina finita tragicamente. La Squadra Mobile di Catania sta ora esaminando, grazie anche al cellulare, gli spostamenti del presunto assassino, che è ospite della struttura di accoglienza per migranti di Mineo. Sui vestiti dell’ivoriano sono state trovate anche delle tracce di sangue, che potrebbero essere di una delle vittime.

Share

Leave a Reply