Settimana di mobilitazioni a sostegno della Grecia nelle capitali europee. Si comincia da Parigi e Berlino

Settimana di mobilitazioni a sostegno della Grecia nelle capitali europee. Si comincia da Parigi e Berlino

“Fuori la Troika” recitava uno striscione nelle mani di un uomo mascherato davanti ad alcune centinaia di persone che hanno risposto a Parigi, a piazza Stalingrado, all’appello “contro l’austerità e l’ingiustizia sociale” e a sostegno della Grecia, mentre si profila il durissimo confronto di lunedì sul suo futuro. La manifestazione parigina era stata indetta da tutti i partiti della sinistra francese, dal Partito comunista al Partito operaio indipendente, al Partito della sinistra, che hanno anche annunciato che analoghe manifestazioni avranno in tante capitali europee, da Roma a Berlino a Londra, Madrid e Brucìxelles, dal 20 al 27 giugno. L’appello ha per titolo “per un’Europa della dignità e della solidarietà contro un’Europa del profitto, un’Europa degli interessi”. Nella stessa giornata di sabato, circa diecimila persone si erano ritrovate a Berlino per la Grecia e un migliaio a Roma.

A Parigi ha parlato Vangelis Goulas, responsabile nazionale di Syriza France, che ha detto: “l’aumento dell’IVA, la riduzione delle pensioni chiesta dai creditori, sono misure inaccettabili. Il governo greco ha già fatto  proposte alternative, come quella di ridurre le spese militari, ma i creditori non le hanno accettate”. Per Goulas, la Grecia è in una fase di impasse e non sarà il vertice di emergenza fissato per lunedì a cambiare le cose. “L’accordo non ci sarà”, preconizza Goulas, “perché le istituzioni creditrici non lo vogliono davvero. Tutto ciò che vogliono è punire la Grecia e forzare l’attuale governo ad applicare la vecchia politica. Ma occorre arrestare il ricatto sulla liquidità, il ricatto sull’uscita dall’Europa. Stanno cercando di uccidere la democrazia!”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.