Fca e Cnh. Elezioni Rls. Vince la Fiom Cgil in sei su sette fabbriche ex Fiat

Fca e Cnh. Elezioni Rls. Vince la Fiom Cgil in sei su sette fabbriche ex Fiat

Il capo gufo, Renzi Matteo , per riprendere una immagine a lui tanto cara, viene smentito, sconfitto dai lavoratori delle fabbriche ex Fiat che hanno votato per il rinnovo dei rappresentanti alla sicurezza (Rls), dove per la prima volta è di nuovo presente anche la Fiom Cgil. Stia tranquillo Maurizio Landini al quale il premier e segretario del Pd aveva pronosticato una brutta fine, quella di essere sfiduciato dai lavoratori che ormai avevano abbandonato la “sua “ Fiom per schierarsi con il l’ad Marchionne, grande supporter del nostro Matteo o meglio il contrario, Renzi a rimorchio del manager con i maglioncini girocollo. L’ultima votazione in ordine di tempo è avvenuta alla Iveco di Brescia (comprese le sedi distaccate di Suzzara e Piacenza).Ha sfiorato la maggioranza assoluta dei voti: su 1.505 votanti (2.259 gli aventi diritto, 1.479 i voti validi), infatti, le liste dei metalmeccanici Cgil hanno ottenuto 739 voti (49,96 per cento), eleggendo quattro delegati. Seguono la Fismic con 465 voti (2 Rls), la Uilm Uil con 155 (1 Rls) e la Fim Cisl con 120 (1 Rls). “Un nuovo straordinario risultato che conferma la fiducia che le lavoratrici e i lavoratori di Fca e Cnh stanno riponendo nella nostra organizzazione e nei suoi delegati- afferma Michele De Palma, responsabile automotive di Fiom Cgil e l’attesa che c’era negli stabilimenti per il rientro in fabbrica della Fiom, che potrà così tornare a difendere con dei propri delegati le condizioni dei lavoratori, in particolare su un problema cruciale come la salute e la sicurezza nelle fabbriche ex Fiat”. Con il voto dell’Iveco sono ormai sette gli stabilimenti del gruppo Fca-Cnh in cui si è votato per la prima volta con la presenza di tutte le sigle sindacali. In sei casi su sette la Fiom è risultata il primo sindacato, mentre in un sito il secondo. Particolarmente rilevanti (oltre all’Iveco) le elezioni negli impianti Comau di Grugliasco (Torino) e Fca motori e cambi di Termoli (Campobasso): in entrambi i casi la Fiom è stata il sindacato più votato (rispettivamente con il 46 e il 26 per cento). Nel complesso, la lista dei metalmeccanici Cgil ha ottenuto 1.898 voti su 5.288, pari al 36 per cento, staccando di oltre 15 punti il Fismic, al secondo posto con 1.067 voti. Seguono la Fim Cisl (852 voti), la Uilm Uil (827 voti), l’Associazione Quadri (339 voti) e l’Uglm (136 voti).

 

Share

Leave a Reply